feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Kenya, la capitale geotermica del continente africano

Kenya, la capitale geotermica del continente africano

Il Paese è l'ottavo produttore mondiale di energia geotermica. Obiettivo: raggiungere il 70% della popolazione entro il 2030

Largo alla geotermia, una delle fonti energetiche rinnovabili più in crescita e con maggior potenziale per il futuro. In “Our Choice – A plan to solve the climate crisis”, Al Gore sostiene che l’energia geotermica sia la più importante, presente e sottovalutata fonte di energia negli USA e nel mondo intero. La stessa lucidità e lungimiranza dell’ex vice-presidente degli USA oggi si riscontra in un interesse verso la geotermia in tutti i continenti e un recente studio dei ricercatori del Cnr ha permesso di portare a termine una mappa globale delle centrali geotermiche e delle aree idonee all’installazione di nuove centrali.

Tra i primi dieci principali Paesi produttori compaiono Stati Uniti d’America, le Filippine, l’Indonesia, la Turchia e il Kenya, all’ottavo posto. Nel Paese africano, però, si trova l’unico sito di produzione geotermica del continente, precisamente nell’area di Olkaira, a 180 km dalla capitale Nairobi.

Energia a emissioni zero in Kenya

In Kenya ancora oggi il 25% della popolazione vive senza elettricità e solo metà dei 47 milioni di kenioti ha accesso a una fornitura regolare di corrente. L’obiettivo del governo è di estendere l’elettricità al 70% della popolazione entro il 2030 e di costruire altri 7 pozzi geotermici. Attualmente nel Paese sono attive 32 centrali geotermiche, tutte nella zona di Olkaira, vicina al sottosuolo della Rift Valley del Kenya. La valle è un’area particolarmente adatta alla produzione di energia di questo tipo sia per la sottigliezza della crosta terrestre che ne facilita l’estrazione, sia per il suo potenziale energetico di diecimila megawatt. I finanziamenti vengono anche da paesi esteri come Giappone e Italia.

Il Kenya vuole diventare una potenza in grado di vendere ai Paesi esteri energia a emissioni zero che costa poco, 8 centesimi di dollaro per kilowatt/ora contro i 16 centesimi del petrolio, riuscendo anche a migliorare il benessere e le vita della propria popolazione.

L.T.

Settembre 2020

Articoli Correlati

Nell'attuale contesto in cui il cambiamento climatico assume una crescente e incombente...
Scelto il rinnovato BoPo di Ponteranica per la cena annuale della nostra rivista, all’...
Come prepararci ad affrontare la stagione fredda Se ci sono delle certezze nel periodo...
Dalle leggende ancestrali alla nostra tavola, conosciamo le mandorle attraverso la storia...