feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Ripartire in bici: il bike-to-work come soluzione per una mobilità sostenibile

bike-to-work

La startup bergamasca EbikeMe offre alle aziende la possibilità di noleggiare a lungo termine flotte di bici elettriche da mettere a disposizione dei dipendenti per gli spostamenti casa-lavoro, contribuendo così alla riduzione del traffico e dell’inquinamento nelle città e garantendo il distanziamento sociale.

Qualche settimana fa abbiamo assistito a una graduale ripartenza, dopo oltre due mesi passati in casa durante il lockdown. Un problema che si è subito presentato in questa fase 2 è stato riorganizzare la mobilità urbana. Per rispettare il distanziamento sociale la capacità dei mezzi di trasporto pubblici è stata ridotta al 25% e questo limite difficilmente potrà soddisfare la domanda di trasporto, non tanto ora, quanto più alla riapertura delle scuole a settembre e quando lo smart-working sarà gradualmente o parzialmente abbandonato per tornare in ufficio. Molte persone che prima dell’emergenza sanitaria prendevano i mezzi pubblici stanno già optando per un mezzo di trasporto privato: dobbiamo fare in modo che la scelta non ricada sull’auto, altrimenti il traffico nelle città e di conseguenza l’inquinamento, già in aumento adesso, non potranno che peggiorare.

La soluzione perfetta per evitare che ciò accada è molto semplice: la bicicletta, meglio ancora se elettrica! E sembra proprio che siamo sulla “strada giusta”.

Il bike-to-work con EbikeMe

EbikeMe, startup bergamasca che già prima del Covid-19 credeva fortemente nella bici elettrica come mezzo di trasporto quotidiano per una mobilità più sostenibile proponendo alle aziende noleggio a lungo termine di bici elettriche per il bike-to-work, durante l’emergenza sanitaria ha scommesso ancora una volta sulle due ruote. In piena pandemia, al posto di bloccare gli ordini ai propri fornitori, ha incrementato il numero di ebike ordinate con la certezza che alla ripartenza la richiesta di bici elettriche sarebbe aumentata. E così è stato. Anche grazie al “Bonus mobilità” del decreto rilancio, le vendite di biciclette tradizionali, di ebike e monopattini sono schizzate alle stelle.

«In questi giorni non è raro imbattersi in negozi e rivenditori che hanno già terminato le scorte di bici. - afferma Luca Merisio, amministratore delegato di EbikeMe - Da noi trovate sia City Bike che Mountain Bike e oltre al servizio di noleggio per le aziende, vendiamo anche direttamente ai privati. Il cambiamento per avere città meno trafficate e meno inquinate parte da ciascuno di noi scegliendo la bici come mezzo di trasporto quotidiano. La tecnologia odierna ci consente, inoltre, con una bici a pedalata assistita, di percorrere parecchi chilometri e salite anche impegnative senza sforzo e senza inquinare arrivando velocemente in ufficio senza sudare e senza lo stress del traffico e di dover trovare parcheggio! Sarebbe bello che sempre più persone iniziassero ad andare al lavoro in bicicletta come avviene già nel resto d’Europa».

Oltre all’evidente impatto ambientale, Luca Merisio sottolinea anche l’importanza di pedalare in sicurezza: «Ci sono dei piccoli ma importanti accorgimenti che ci permettono di pedalare più sicuri in città: noi consigliamo di indossare sempre il casco anche se non è obbligatorio e di rendersi ben visibili agli automobilisti con un giubbino catarifrangente e con i fari accesi anche di giorno. È importante segnalare bene con il braccio le svolte a destra e a sinistra e imparare ad anticipare il comportamento degli automobilisti, come per esempio portiere che si aprono ai lati della carreggiata, svolte improvvise. Inoltre, è buona abitudine controllare che le ruote siano ben gonfie: 4 atmosfere sono l’ideale. Sulle nostre ebike la sicurezza è garantita: oltre ad avere dei fari potenti, il faro posteriore si illumina quando si frena segnalando così i nostri rallentamenti. Con una ricarica si percorrono circa 60 km e i tre livelli di assistenza rispondono a qualsiasi esigenza: se si ha più fretta e si vuole fare meno sforzo, per esempio la mattina andando in ufficio, il livello 3 ci porta a 25 km/h in pochi secondi, mentre se si vuole fare un piccolo sforzo possiamo sempre mettere sul livello 1 e pedalare un po’ di più, per esempio dopo il lavoro!».

I vantaggi di scegliere una ebike

Utilizzare la bici elettrica per i propri spostamenti quotidiani fa bene al fisico, all’umore, all’ambiente e al portafoglio. Una scelta che permette di:

  • Risparmiare tempo 
  • Mantenersi in forma senza uno sforzo eccessivo
  • Arrivare al lavoro con mente più serena e fresco anche nei mesi estivi
  • Evitare il traffico delle ore di punta e riduci lo stress
  • Contribuire a mantenere l’aria più pulita
  • Risparmiare i soldi della benzina e del parcheggio

Chi volesse provare i benefici della bici elettrica e avere maggiori informazioni sul servizio di noleggio alle aziende, può contattare Ebikeme scrivendo a welcome@ebikeme.it

Giugno 2020

Articoli Correlati

“La vita non si misura attraverso il numero di respiri che facciamo, ma attraverso i...
Ferrovie Dismesse come ciclabili: una risorsa per le due ruote
FIAB-Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta scatta una fotografia aggiornata delle...
Settimana Europea della Mobilità. Come spostarsi nell'era post-Covid?
A settembre torna l’appuntamento europeo annuale. Focus sulla mobilità del futuro e sulle...