feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Milano: luoghi insoliti da scoprire

Chi non conosce la Milano dei Navigli, del Duomo e di Piazza Gae Aulenti? Milano però non è soltanto questo! Infatti, ci sono anche dei luoghi più insoliti che probabilmente non conosci.

Se vuoi esplorare la città più autentica vedi qui come arrivare e affitta una camera in hotel o un appartamento a breve termine e scopri i luoghi da visitare di cui parleremo in questo articolo!

Giardino della Guastalla

Il Giardino della Guastalla è uno dei piccoli parchi più antichi di Milano. Fu richiesto nel 1555 della contessa di Guastalla, ma divenne un parco pubblico solamente nel 1939. Il giardino deve la sua bellezza ad alcune statue di terracotta e marmo e all’antica vasca per pesci risalente al 1700 in cui, ancora oggi, è possibile ammirare pesci rossi e carpe.

Al centro del caos milanese, oggi risalta come una piccola oasi, in cui ci si può rilassare, rinfrescarsi con una bibita o leggere una rivista su una panchina. Data la vicinanza alla sede principale della Statale di Milano è diventato anche un luogo di ritrovo per gli studenti.

LùBar

Il LùBar è un bistrot che si trova all’interno della Villa Reale a Palestro. In questo museo è possibile ammirare alcune opere ottocentesche della Galleria d’Arte Moderna.

La caffetteria-bistrot siciliana è totalmente immersa nel verde e offre cannoli, arancine nonché tutti i dolci tipici della pasticceria siciliana che potrete gustare seduti sotto le grandi vetrate da cui la luce entra si riflette sul marmo bianco comunicando una sensazione di pace e calore.

Viale Majno

Viale Majno è una delle zone residenziali più in di Milano. Qui un appartamento può costare anche 20 mila euro al metro quadro!!! Se amate i palazzi coperti di rampicanti e le facciate coperte di verde che nella stagione autunnale si colorano di mille sfumature, allora, una visita a Viale Majno entra di diritto nei luoghi insoliti da scoprire a Milano.

Palazzo Arcivescovile

A due passi dal Duomo di Milano c’è il Palazzo Arcivescovile, risalente al ‘500 ma in seguito riadattato allo stile neoclassico. Oggi funge da residenza dell’Arcivescovo di Milano.

La cappella, il cortile interno e il portale d’ingresso sono stati progettati da Pellegrino Tibaldi su richiesta di Carlo Borromeo. Dentro al palazzo vi sono degli affreschi trecenteschi che abbellivano il salone del piano nobile.

Porta Romana

È una delle 6 porte della città e anche una delle zone più interessanti di Milano. Caratterizzata da alti palazzi, la via è ricca di attività commerciali e negozi.

Un tempo era attraversata dalla via che collegava Roma e Milano con il resto d’Italia (da cui deriva appunto il nome “porta romana”). Oggigiorno vi si possono ammirare edifici storici e chiese. Purtroppo, col tempo, ha perso il primato di via “nobile” della città per lasciare il posto a Porta Venezia.

Vicoli secondari di Brera

Chiunque conosce Via della Spiga, ma non tutti si avventurano ad esplorare i vicoli secondari della zona di Brera. Questo è uno dei quartieri più eleganti e caratteristici di tutta la città di Milano.

Vi perderete fra i vicoli di questa mini Milano, in cui la confusione del centro città è ben lontana. Ovviamente non dimenticate di fare una sosta in qualche ristorante tipico per gustare il famoso ossobuco alla milanese con il risotto allo zafferano!

 

 
Aprile 2022

Articoli Correlati

Si è conclusa con successo l’edizione 2022 del Festival della SOStenibilità di Bergamo,...
Due giovani si lanciano con successo in un’azienda vinicola all’insegna di qualità e...
Non solo vaccini antinfluenzali e non solo coronavirus. Scegliere tra differenti...
Nato nel 2020, il Mercato locale di Slow Food lancia per la stagione 2022/23 nuovi...