feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Mamma, voglio diventare bello e intelligente

mamma voglio diventare bello e intelligente

L’impatto dell’inquinamento sulla salute dei bambini si combatte anche a tavola

Pesci al mercurio, latte alla diossina e frutta contaminata da pesticidi possono arrivare facilmente sulla nostra tavola e interferire con lo sviluppo neurologico dei più piccoli. La Dott.ssa Maria Cristina Saccuman, neurobiologa dello sviluppo, attraverso il suo libro “Biberon al piombo” scritto con un linguaggio tecnico comprensibile a tutti, ci guida tra le principali sostanze con azione neurotossica che entrano nel nostro corpo attraverso l’aria che respiriamo e attraverso il cibo che mangiamo.

Come comportarsi perché l’impatto sulla salute dei bambini sia il meno rischioso possibile? Mettendo in atto pratiche concrete e quotidiane è possibile per esempio evitare che del pesce inquinato dal mercurio finisca sulle nostre tavole. Il mercurio è un metallo tossico per il cervello ed è l’unico capace di bioaccumulo, cioè ogni anello della catena alimentare ne passa il proprio carico all’anello successivo. Il pesce grosso che mangia il pesce più piccolo, che a sua volta si è nutrito di zooplacton, ingloba quantità di mercurio in maniera esponenziale.

Uno studio condotto nelle isole Faroe su un campione di bambini ha dimostrato che le capacità di memoria e di apprendimento erano inversamente proporzionali al livello di mercurio riscontrato nei capelli delle madri durante la gravidanza e nei cordoni ombelicali, a dimostrazione che l’esposizione al mercurio in epoca prenatale ha un impatto significativo sul cervello. Che sia marino o d’acqua dolce, tutto il pesce contiene mercurio, ma eliminarlo dall’alimentazione non è la strada giusta. La soluzione consiste nello scegliere il pesce giusto, che bilanci i benefici nutrizionali con il rischio di contaminazione, evitando quelli di grosse dimensioni, come il pesce spada e il tonno, e preferendo sgombri e sardine, ricchi di omega 3, i grassi che fanno bene al cervello.

La frutta e verdura contaminata da pesticidi rappresentano un altro esempio d’inquinamento alimentare quotidiano. I vantaggi dei prodotti biologici sono innegabili, dall’alto contenuto di vitamine alla minore quantità di pesticidi utilizzati. Se l’uso agricolo è rigorosamente monitorato, non possiamo dire lo stesso per l’uso comunale di pesticidi, gestito in autonomia. Così, la dieta biologica più rigorosa può non proteggere i bambini dai prodotti utilizzati per trattare giardini e parchi che si trovano nelle immediate vicinanze delle coltivazioni controllate. Come comportarsi? È fondamentale scegliere i prodotti di stagione, evitando quelli dalla dubbia provenienza e fatti maturare nelle celle frigorifere, e, piuttosto che diminuire la quantità di frutta e verdura, meglio affidarsi al fruttivendolo sotto casa.

Un’ultima semplice raccomandazione: per scaldare il cibo nel forno a microonde meglio usare un contenitore in vetro. La tanto diffusa plastica, una volta surriscaldata, può rilasciare il bisfenolo A, alla cui esposizione precoce si imputano i più comuni problemi dell’apparato endocrino oltre a deficit di attenzione e iperattività. I preziosi consigli che la Dott.ssa Saccuman snocciola nel suo libro rientrano quindi in quelle piccole accortezze casalinghe che dimostrano come non serva essere scienziati, chimici o biologi per saper mangiare bene e vivere sano, salvaguardando nello stesso tempo la salute dei più piccoli.

Eleonora Chiari

 

 
 
Dicembre 2014

Articoli Correlati

Il nostro Paese ospita alcune cascate davvero suggestive. Si tratta di meraviglie...
Promosso da Orto Botanico di Bergamo, il contest per falegnami e artigiani che darà casa...
Si è conclusa con successo l’edizione 2022 del Festival della SOStenibilità di Bergamo,...
Un prezioso frutto colorato Appartenente alla famiglia delle Rosaceae, la prugna è il...