feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Lecco: rigenerazione urbana con infrastrutture verdi e blu

Torrenti e fiumi diventano occasione per connettere montagna e lago in chiave ecologica

Nel grande progetto di rigenerazione urbana dell’amministrazione comunale della città di Lecco il “blu” ricopre una parte fondamentale. A inizio mese sono stati presentati gli studi di pre-fattibilità offerti da tre studi relativi alla riqualificazione dei torrenti Caldone, Gerenzone e Bione. Gli architetti incaricati Zuanier, Montanelli e Kipar, mirano infatti a rigenerare quei “raggi blu” attorno ai quali rifioriranno nuove aree e nuovi modi di vivere Lecco.

“La riqualificazione dei “raggi verdi.blu” sviluppa concretamente quella Lecco 2030 presentata con il Masterplan di Andreas Kipar - spiega il Sindaco di Lecco Mauro Gattinoni, facendo riferimento alle progettualità presentate lo scorso anno dall’architetto paesaggista, scelto dall’amministrazione per riqualificare e valorizzare la città attraverso un sistema di infrastrutture verdi e blu, attraverso le quali i cittadini potranno usufruire e riscoprire i valori identitari e naturalistici del proprio territorio.

La riqualificazione del torrente Caldone (studio Zuanier Associati) ridisegnerà la vocazione naturalistico-ambientale del fiume, l’attrattività turistica, la ciclabilità e la vivibilità per i cittadini di Lecco, con particolare focus sul tratto finale del fiume, con l’ipotesi di una nuova area ciclo-pedonale, la valorizzazione degli itinerari manzoniani e la creazione di nuovi orti urbani.

Del torrente Gerenzone (studio ar.de.a.), già oggetto delle attenzioni del laboratorio cittadino “Officina Gerenzon” dal 2019, viene invece valorizzato il patrimonio storico e dell’archeologia industriale, andando a trasformare il corso d’acqua in “motore di energia positiva” per i rioni e occasione di sviluppo urbano nelle aree dismesse.

Per quanto riguarda invece la proposta per il fiume Bione (studio Land), questa prevede un percorso sportivo tra il lago e le montagne che contempla nuovi spazi per giocare e imparare con l’acqua, la riscoperta di affacci sul fiume e la rinaturalizzazione dell’Oasi del Bione che porteranno a 3 km di parco lineare, 2.5 km di sponde rinaturalizzate e a 7.5 km di percorsi ciclopedonali in connessione con il territorio.

“Il Masterplan del verde, con strategie di medio e lungo periodo, ha definito il sistema idrico minore dei nostri tre fiumi come l’ambito di riferimento su cui progettare “un abaco” di interventi in materia di verde pubblico - aggiunge l’assessore all’Ambiente del Comune di Lecco Renata Zuffi -. La riqualificazione e la rinaturalizzazione dei fiumi diventano un’occasione per ridisegnare una connessione ecologica tra lago e montagne”

Selene Mosti

Marzo 2022

Articoli Correlati

Nell'attuale contesto in cui il cambiamento climatico assume una crescente e incombente...
Scelto il rinnovato BoPo di Ponteranica per la cena annuale della nostra rivista, all’...
Come prepararci ad affrontare la stagione fredda Se ci sono delle certezze nel periodo...
Dalle leggende ancestrali alla nostra tavola, conosciamo le mandorle attraverso la storia...