feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Elav presenta: Celtic Mater

Elav presenta: Celtic Mater

Nome: Celtic mater

Provenienza: Bergamo, Italia

Stile: Pale Ale

Materie prime: Malti Pils e Pale, un solo luppolo, il ceco Saaz, appartenente alla famiglia dei luppoli nobili. Può vantarsi di essere l’unica birra del birrificio Elav, insieme alla Beat Weizen, che non prevede luppoli d’oltre-oceano.

Alla vista

Di color giallo carico, tendente al dorato e lievemente velato. La sua schiuma è bianca, di trama fina e buona persistenza.

Al naso

Abituati agli splendidi aromi fruttati e agrumati che Elav ci regala con la maggior parte delle sue produzioni, non possiamo che restare colpiti dal profilo aromatico di questa birra. Dimenticatevi le gite negli USA, in Nuova Zelanda e in Giappone; concentratevi invece sul vecchio continente. Da qui il luppolo Saaz sprigiona forti note floreali, erbacee e leggermente speziate, il tutto con la delicatezza che da sempre gli appartiene. Anche il malto contribuisce all’aroma della Celtic Mater con lievi sentori di “crosta di pane”.

In bocca

L’attacco vede dominare il malto con delicate note mielose e di cereale. Seppur la carbonazione sia lieve, il corpo non è per nulla sfuggente, conduce la bevuta verso un finale secco, dall’amaro delicato ed erbaceo, che mantiene una impressionante pulizia del palato.

Abbinamenti

Particolarità di questa birra è la sua lenta fermentazione a 15° C che, con i malti e il luppolo utilizzato, la rende per le sue caratteristiche organolettiche “borderline” tra alta e bassa fermentazione. Sicuramente per grandi bevute, si accompagna a piatti delicati a base di carni bianche, insalate, piatti di pesce ben saporiti e primi piatti.

 

Cheesecake pere e cioccolato con base di biscotti al luppolo e cacao

Ricetta realizzata per noi da “Osteria della birra”, di Bergamo Alta (Piazza Mascheroni 1/C)

INGREDIENTI PER UNO STAMPO DA 20 CM

Per la base:

• 250 gr di frollini al cacao

• 100 gr di burro

• 2 cucchiai di zucchero di canna

Per la crema:

• 200 gr di formaggio spalmabile

• 150 gr di yogurt greco

• 70 gr di ricotta vaccina

• 120 gr di zucchero a velo

• 200 gr di panna fresca

• 3 fogli di colla di pesce

• 100 gr di cioccolato fondente

• 2 pere coscia

• 3 cucchiai di zucchero di canna

• 20 gr di burro

• birra q.b.

• cannella q.b.

PREPARAZIONE

Per la base, sciogliere il burro a bagnomaria e tritare in un mixer i biscotti al cacao fino a ottenerne una polvere. Quindi aggiungere il burro fuso e i due cucchiai di zucchero di canna ai biscotti triturati e mescolare. Foderare uno stampo del diametro di 20 cm (possibilmente a cerniera) con della carta da forno bagnata e strizzata e versare il composto. Pressarlo e livellarlo bene con un cucchiaio fino a ottenere una base liscia e compatta. Riporre in frigo per almeno 30 minuti. Per la crema, mettere la gelatina in fogli in un recipiente con acqua fredda per 10 minuti. In una ciotola capiente mescolare con una frusta il formaggio spalmabile, lo yogurt greco e la ricotta vaccina assieme allo zucchero a velo setacciato; in un pentolino fare scaldare a fuoco dolce la panna e aggiungere i fogli di gelatina ben strizzati dall’acqua, mescolando fino a completo scioglimento. Aggiungere la panna lasciata intiepidire alla restante crema e mescolare bene facendo attenzione a non lasciare grumi. Sbucciare e tagliare le pere in piccoli pezzi in un pentolino dove si saranno già fatti sciogliere a fuoco dolce i 20 gr di burro. Alzare la fiamma e aggiungere 2-3 cucchiai di zucchero di canna e la cannella, far cuocere qualche minuto a fiamma sostenuta e verso la fine aggiungere la birra per sfumare il tutto. Nel frattempo, tritare bene il cioccolato fondente e unirlo alla crema assieme alle pere fatte raffreddare. Mescolare il tutto e versare il composto sopra la base di biscotto, livellare la superficie e riporre in frigo per altre 2 ore.

Gennaio 2015

Articoli Correlati

Vivere green non è più uno stile di vita, ma fa parte delle nostre abitudini. La...
Il 2020 gli italiani hanno iniziato a riconcepire e ricalibrare le proprie abitudini di...
Quando camminiamo lasciamo sempre un’impronta, sia in senso letterale che figurato. Lo...