feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Educazione alimentare con l'orto didattico di Slow Food

Educazione alimentare con l'orto didattico di Slow Food

Scanzorosciate: grande successo per le attività dell'anno scolastico 2018-2019

Si è conclusa con la fine dell'anno scolastico l'esperienza 2018-2019 dell'Istituto Comprensivo di Scanzorosciate presso l'Orto Didattico di Slow Food: un'esperienza che ha permesso di portare tanti ragazzi e bambini a contatto con la natura, ponendo le basi per un tipo di formazione più concreta, legata alla vita e attenta all'ambiente. 

Il tema dell’anno scolastico 2018-2019 in tutti gli Orti Slow Food d’Italia è stato lo “zucchero”, alimento che suscita amore e odio e che ha permesso l'approfondimento - dal punto di vista storico e geografico - delle due filiere mondiali dello zucchero di canna e dello zucchero da barbabietola. 

Un progetto a tutto tondo

Lo scorso 30 maggio si è tenuto l'incontro di fine anno con gli educatori, i genitori e gli alunni, durante il quale il dirigente dell'istituto Luigi Airoldi ha riconosciuto l'importante valore del lavoro svolto dal corpo docente e dai volontari dell'orto e delle attività di Slow Food, sottolineando come grazie a questo progetto «i ragazzi in aula e nell’orto vanno oltre la cultura delle nozioni scolastiche e gettano le basi per una formazione più reale e concreta, legata alla vita quotidiana a scuola e in famiglia». 

L’orto, partito da più di 8 anni, coinvolge ormai tutta la cittadinanza di Scanzorosciate e i progetti che vi si realizzano stimolano la collaborazione di diverse realtà e hanno sempre un notevole successo. Le attività di Educazione Alimentare - curate da Slow Food e sponsorizzate dalla SIR Ristorazione - sviluppano nei ragazzi «maggiore consapevolezza nella scelta critica del cibo e nella difesa della biodiversità anche attraverso le attivazioni sensoriali», ha ricordato Enrico Radicchi, referente dell’Orto per Slow Food.

Radicchi ha inoltre ricordato l’importanza del progetto “Pane di Filiera Bergamasca - Qui Vicino” (Aspan) che è stato inserito nelle mense scolastiche dell’Istituto grazie alla collaborazione del panificatore Marco Pezzotta e della SIR Ristorazione. 

Gli alunni hanno avuto la possibilità di confrontarsi sul tema dell’impronta carbonica (clima e ambiente): l’impronta del pane prodotto e consumato in loco è infinitamente inferiore a quella di un pane prodotto con farine provenienti da paesi e continenti lontani dal nostro.

Non solo: la docente referente dell'orto, Francesca Pezza, ha realizzato anche un servizio fotografico che mette in evidenza il lavoro di squadra e il grande coinvolgimento degli alunni da parte dei cinque volontari nelle attività pratiche di semina, coltivazione e produzione di frutta e ortaggi: durante la pausa estiva sarà allestito ogni martedì un banchetto aperto a tutte le famiglie di Scanzorosciate.

Infine, ciliegina sulla torta, è stato illustrato il “progetto VINO” unico in Italia. Tre anni fa sono state messe a dimora alcune “barbatelle” del vitigno autoctono del Moscato proprio nel luogo, Scanzorosciate, dove viene prodotto uno dei più antichi e migliori passiti a bacca rossa del mondo. 

Nel mese di ottobre 2018 gli alunni hanno partecipato alla vendemmia e alla pigiatura naturale (con i piedi), a cui è seguito il processo di affinamento e l’imbottigliamento di circa 30 bottiglie con etichetta dedicata. Alcune bottiglie del “Moscatello”, assieme a quelle di Sereno Magri, hanno accompagnato la “Bruschetta bergamasca”, pane di filiera e olio extravergine prodotto dall’Az. Agricola Il Castelletto di Scanzorosciate.

L’orto “principale” di Scanzorosciate ha infine contagiato anche i plessi della primaria di Tribulina e di Rosciate. Entrambe le referenti, Monia Testa e Alessia Milesi, hanno proposto il loro contributo fotografico sulle attività educative svolte in aula e nell’orto dei propri plessi.

Cinzia Terruzzi

Luglio 2019

Articoli Correlati

Nell'attuale contesto in cui il cambiamento climatico assume una crescente e incombente...
Scelto il rinnovato BoPo di Ponteranica per la cena annuale della nostra rivista, all’...
Dalle leggende ancestrali alla nostra tavola, conosciamo le mandorle attraverso la storia...
Come prepararci ad affrontare la stagione fredda Se ci sono delle certezze nel periodo...