feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Biglietti Expo: Obiettivo venti milioni

Obiettivo venti milioni

Qualche numero sui biglietti per l’attesissima Esposizione Universale

L’Esposizione Universale dedicata al cibo e all’alimentazione è sempre più vicina e il numero dei biglietti venduti comincia a essere la cartina tornasole del suo successo. Al momento risultano venduti 8 milioni e mezzo di biglietti e per l’inaugurazione si dovrebbe toccare quota 10 milioni, come auspicato dal presidente del Consiglio Matteo Renzi. Cinque milioni sono stati venduti all’estero e tre in Italia. Oltre a questi ci sono già circa mezzo milione di biglietti prenotati dalle scuole italiane.

Gran parte degli 8 milioni e mezzo di biglietti venduti è stata acquistata da rivenditori autorizzati, come TicketOne o agenzie di viaggio. Secondo Piero Galli, direttore generale della gestione dell’evento, l’Expo di Milano è una delle Esposizioni Universali ad aver venduto il maggior numero di biglietti prima dell’apertura e la scelta di cedere la vendita dei biglietti anche ad altri intermediari fa parte di una strategia per permettere ai turisti di inserire la visita a Expo in un percorso turistico più ampio che abbracci l’intera Penisola. Il numero più alto di rivenditori autorizzati dopo l’Italia spetta alla Cina che ha già acquistato più di mezzo milione di biglietti, la metà del milione di biglietti che si prevede saranno venduti a cittadini cinesi entro la fine della manifestazione.

Il commissario di Expo Giuseppe Sala ha parlato di un obiettivo di 20 milioni di biglietti venduti entro il prossimo 31 ottobre. Se paragonati ai 73 milioni di visitatori dell’Expo di Shanghai 2010, ai 64 milioni di visitatori dell’Expo di Osaka del 1970 o ai 51 milioni di quella di New York del 1964-1965, per citare le Esposizioni più visitate della storia, non sono certo gran cosa. In Europa l’Expo di maggior successo è stata quella di Siviglia 1992, visitata da oltre 40 milioni di persone, mentre la più deludente fu quella di Hannover che nel 2000 portò in Germania soltanto 18 milioni di visitatori rispetto ai 40 previsti dagli organizzatori.

Venti milioni di visitatori non sono dunque un traguardo così ambizioso e difficile da raggiungere, ma l’Expo milanese punta a battere il record quanto a maggior numero di visitatori stranieri, almeno dieci per la fine dell’evento, mentre a Shanghai su 73 milioni di visitatori non si contarono che 4 milioni di stranieri. Secondo le stime di Expo le nazionalità più rappresentate saranno quelle dei paesi europei confinanti: almeno un milione di visitatori dovrebbe infatti arrivare dalla Francia e altrettanti dalla Germania.

Dove acquistarli e quanto costano

Il sito espositivo sarà aperto tutti i giorni, dal 1° maggio al 31 ottobre 2015, dalle ore 10 alle ore 23. Ogni giorno Expo proporrà un ricco palinsesto di appuntamenti ed eventi, che coinvolgeranno tutti i partecipanti e i visitatori. Ci saranno 88 National Days da parte dei Paesi Partecipanti e 10 Giornate speciali. Auditorium e Conference Centre ospiteranno sempre convegni e incontri di approfondimento mentre l’Open Air Theatre ospiterà lo spettacolo esclusivo realizzato dal Cirque Du Soleil, accessibile con un biglietto a parte. Ad Expo si prevede un afflusso di circa 300 mila turisti ogni giorno, ma il limite massimo di capienza del sito è di 250mila persone. I biglietti sono acquistabili sul sito Expo, da Trenitalia (sia sul sito che nelle biglietterie), presso agenzie e rivenditori autorizzati e presso l’Expo Gate in Piazzale Cairoli (Milano).

Le opzioni per visitare il sito espositivo sono davvero tante: biglietto con data aperta (32 € il biglietto standard per un adulto tra i 14 e i 64 anni), utilizzabile un giorno a scelta dal 1 maggio al 31 ottobre, biglietto con data fissa (27 € il biglietto standard per un adulto tra i 14 e i 64 anni), valido per una data specifica, pacchetti famiglia variabili dai 40 agli 80 € in base al numero di bambini e alla data aperta o fissa, carnet di 2 o 3 giorni, con l’opzione consecutivi o non, a data fissa o aperta, serale, dal costo di 5 €, per una visita a partire dalle ore 19.00 fino alla ore 23, oppure un Season Pass, ovvero un abbonamento nominale che consente l’accesso libero dal giorno dell’attivazione sino al 31 ottobre 2015 e varia dai 57 ai 115 € secondo la fascia d’età.

Un biglietto giornaliero per un adulto tra i 14 e i 65 anni per una data qualsiasi costerà dunque 32 € fino al 1° maggio. Dal momento dell’inaugurazione costerà il venti per cento in più, quindi 39 €. Conviene affrettarsi!

Arianna Corti

Marzo 2015

Articoli Correlati

Il nostro Paese ospita alcune cascate davvero suggestive. Si tratta di meraviglie...
Promosso da Orto Botanico di Bergamo, il contest per falegnami e artigiani che darà casa...
Si è conclusa con successo l’edizione 2022 del Festival della SOStenibilità di Bergamo,...
Un prezioso frutto colorato Appartenente alla famiglia delle Rosaceae, la prugna è il...