feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Da Cremona all’Australia e ritorno. La rivoluzione passa dal pane

Il giovane fornaio Davide Maffezzoni

Il giovane fornaio Davide Maffezzoni panifica da grani antichi e da filiera etica: «scegliendo cosa mangiare facciamo il vero cambiamento»

Pane come alimento base dell'umanità, come simbolo dell'esperienza e dell'evoluzione umana, ma anche pane come forte elemento politico: «perché è scegliendo cosa mangiare che si mette in atto la più potente delle rivolte, senza nemmeno fare fatica».

A parlare è Davide Maffezzoni, 26enne di Cremona che nella vita ha scelto di portare avanti una delle professioni più antiche del mondo, quella del fornaio, e di farlo secondo valori ben precisi: l'abbandono del pane industriale, l'utilizzo di materie prime naturali e di alta qualità e – soprattutto – il ritorno a un'idea di alimentazione che sia non soltanto risposta a un bisogno fisiologico, ma anche condivisione, convivialità, attenzione per l'ambiente.

È su queste linee guida che due anni fa è nata la sua attività, chiamata “La Màdena” dalla parola dialettale che indica la madia dove veniva messa a lievitare la pasta del pane: «la prima attività – sottolinea – a portare questo tipo di prodotto a Cremona, dove tradizionalmente l'approccio al cibo e all'agricoltura è più di tipo industriale».

Da Cremona all’Australia a Pollenzo (Slow Food)

Una realtà, quella del pane industriale, che Davide conosce bene, perché è proprio da lì che è cominciato il suo percorso. «A 19 anni ho trovato lavoro in un supermercato della zona - spiega – e per puro caso sono finito proprio nel reparto panetteria.

Lì è scoccata la scintilla: ho imparato guardando, rubando il mestiere con gli occhi». Ciononostante, l'ambiente lavorativo non gli piace: le preparazioni utilizzano farine industriali e lieviti di birra e c'è moltissimo spreco.

Ecco allora che nel 2016 decide di staccare e di andare dall'altra parte del mondo: grazie al Working Holiday Visa, lavora per un anno nelle grandi farm agricole in Australia, dove l'approccio al cibo è ancora più intensivo che in patria.

L'esperienza lo aiuta, gli mostra chiaramente cosa non vuole diventare: «Durante il viaggio di ritorno ho deciso due cose: che il pane sarebbe stato la mia vita e che avrei deciso io che tipo di pane preparare».

Una volta rientrato in Italia, Davide si iscrive a un master di panificazione dell'Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo (SlowFood), dove approfondisce i temi dell'agricoltura biologica e naturale, del suolo, della materia prima, della macrobiotica. I tirocini sul campo gli permettono di acquisire la competenza necessaria su tutta la filiera fino a quando, nel 2017, decide di fare il grande passo e aprire il suo forno.

La Màdena

Alla Màdena «ho scelto di usare farine integrali e semi-integrali da grani di vecchie varietà biologiche, contenenti poco glutine e macinati a pietra - racconta Davide -. Non utilizzo lieviti, lavoro solo con pasta madre rinfrescata tutti i giorni e preparo principalmente pani di grossa pezzatura, che si conservano meglio».

Tra i suoi prodotti ci sono pani, grissini, focacce, tutto all'insegna del motto “Dalla terra al pane, e nulla di più”. Il forno è situato a Stagno Lombardo (CR), ma non ha un negozio di rivendita e lavora principalmente a domicilio e su ordinazione, oppure prendendo parte ai mercati biologici, etici e di filiera corta, come il Mercato della Terra di Bergamo.

«Il mio negozio è la città – continua il giovane fornaio, che è anche attivo in SlowFood Cremona -, mi piace stare in contatto con la gente e i clienti. In questo modo si creano rapporti che durano nel tempo e che vanno oltre il semplice scambio prodotto-denaro: il pane torna così a essere un elemento conviviale, capace di avvicinare le persone. In un certo senso, un “pane di rivoluzione” sociale, ambientale e politica».

Per maggiori informazioni: pagina Facebook “La Màdena”. Potete trovare il pane de “La Madena” al Mercato della Terra di Bergamo ogni secondo e quarto sabato del mese dalle 9 alle 14 in piazza Matteotti sul Sentierone in centro città, con venticinque produttore all’insegna della biodiversità e del cibo buono pulito e giusto.

Erica Balduzzi

Novembre 2019

Articoli Correlati

Economia Solidale e Sociale: verso una legge regionale
Nei mesi scorsi è stato avviato il percorso per una proposta di legge regionale sull’...
Patata
Un alimento passepartout La patata è un tubero con molte qualità diverse, utilizzate...
Sale… quanto basta!. Un minerale importante da usare con attenzione
Capire come ridurre l'apporto giornaliero di sale per migliorare la propria salute “Il...
Limone
Il sole in autunno Il limone è un frutto dalle molteplici risorse: il suo succo viene...