feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

La rapa

La rapa

Sarà una testa vuota ma che resistenza

In araldica la rapa è fin dal Medioevo utilizzata di frequente come simbolo di beneficenza da parte di una famiglia o di una casata nobiliare.

Proveniente dalla Siberia occidentale, la rapa si è adattata a climi diversi ed è per tradizione considerata un cibo dei “tempi duri”, in quanto resiste bene al freddo (fino a -10 gradi centigradi) e si conserva fino al raccolto successivo, per fare scorte in tempi di carestia.

La rapa è un ortaggio consumato tutto l’anno dal momento che presenta varietà invernali e primaverili. Vengono utilizzate la radice carnosa e le foglie come verdura cotta.

In alcune regioni è impiegata per l’alimentazione del bestiame ed è persino protagonista di esperimenti botanici nello Spazio.

Secondo la tradizione, la rapa è priva di sapore e per questo è entrata in molti proverbi e modi di dire come “testa di rapa”, “cavare sangue da una rapa”. Le esigenze nutritive della pianta sono medio basse, mentre sono elevate quelle idriche: predilige terreni ricchi d’acqua seppur poveri.

Ciò trova conferma anche nelle sue caratteristiche nutritive, essendo composta per più di tre quarti da acqua e meno di un quarto da sali minerali, tra cui potassio, fosforo, calcio, sodio e una buona quantità di vitamina C.

È un alimento che può essere conservato in frigorifero fino a una settimana: va lavata bene, pulita con il pelapatate per eliminare residui di terra e alleggerita dalla buccia non commestibile. Preziosa fonte di sostentamento per moltissimi popoli antichi, oggi la rapa è conosciuta per essere poco digeribile a causa della elevata quantità di cellulosa.

È presente in natura con una varietà di colori, dal bianco al viola, e di forme, dalla tonda alla oblunga e semi-conica.

La polpa chiara e croccante, dal sapore dolce, in alcuni casi tende anche al piccante. La consistenza è spugnosa; può essere mangiata fresca in pinzimonio con sale e olio ed è l’ingrediente base per la giardiniera. Un elemento multiuso della nostra cucina dunque, adatta a tutte le stagioni.  

 

Orzotto con rape rosse

Ingredienti per 2 PERSONE

• 100 gr di orzo perlato

• 1/4 di porro grande

• 2 carote

• Acqua calda salata

• Mezza tazzina da caffè di vino bianco

• 1 rapa rossa precotta

Preparazione

Tagliate a rondelle il porro e le carote e fatele saltare in padella con l’olio extra vergine di oliva per alcuni minuti.

Versate poi l’orzo, preventivamente lavato e fatelo tostare un po’; poi aggiungete il vino. Evaporato il vino mettete l’acqua, abbastanza ma non troppa.

Dopo 20 minuti, unite la mezza rapa frullata e la mezza rapa a dadini. Fate cuocere per altri 20 min. Servite ben caldo.

Ottobre 2015

Articoli Correlati

Incontri, scambi, momenti formativi e ludici hanno arricchito la nuova edizione della...
Dal 21 giugno al 12 luglio torna il festival organizzato da Legambiente Bergamo che...
Il recente libro di Elena Granata evidenzia come le donne abbiano sempre maturato un...
Al Polaresco l’1 e il 2 giugno un fine settimana dedicato ad ambiente, natura e cura del...