feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Il Corbezzolo

marmellata corbezzoli

La pianta dell’ospitalità produce frutti dalle proprietà benefiche

Il corbezzolo, frutto dell’omonima pianta, conosciuta anche come “pianta dell’ospitalità” per la bellezza dei suoi fiori e frutti, è una bacca tonda simile a una ciliegia, dalla superficie granulosa e dalla polpa giallastra. Fa parte della categoria dei cosiddetti “frutti dimenticati”, nonostante le sue proprietà benefiche e gli svariati usi in cucina. La pianta, tipica della macchia mediterranea e protagonista degli splendidi giardini all’italiana, è molto diffusa e facile da coltivare grazie alla sua ottima resistenza alle fredde temperature. Il frutto è un alimento terapeutico, utile come astringente e antinfiammatorio delle vie biliari, del fegato e di tutto l'apparato circolatorio, ma anche diuretico, antisettico e antinfiammatorio delle vie urinarie.

Il suo sapore è in un certo senso suggerito già dal suo nome scientifico, “arbutus”, che significa acerbo e astringente e “unendo”, dal latino “unum tantum edo”, ovvero ne mangio soltanto uno, un invito a non lasciarsi tentare troppo dal suo aspetto invitante e quindi a non abusarne. I Latini attribuivano, infatti, ai frutti del corbezzolo dei poteri magici e tendevano a eccederne nell’uso.

Mangiarlo da solo non è il migliore modo di gustarlo, meglio utilizzarlo in cucina. Realizzare l’aceto di corbezzolo è facile: in un litro d’aceto unite una manciata di corbezzoli non ancora maturi e sei foglie d’alloro. Lasciate riposare in un luogo fresco, asciutto e al buio per tre settimane, fino alla completa maturazione dei corbezzoli. L’aceto è ottimo come condimento per dare nuovo gusto alla solita insalata. Passando al dolce, una vera delizia è la marmellata di corbezzoli, utilizzata anche dai grandi chef per piatti sfiziosi e originali; facile da preparare, ma difficilmente reperibile sugli scaffali dei supermercati, può essere anche un pensiero gradito da omaggiare in occasione di una cena tra amici.

 

Marmellata di Corbezzolo

Preparazione

Dopo aver lavato i corbezzoli, metteteli a cuocere in una padella a fuoco lento per circa 15 minuti. Una volta cotti setacciateli, eliminando i semi, in modo da ottenere una purea alla quale aggiungere l’acqua, la buccia del limone (facendo attenzione a eliminare la parte bianca) e lo zucchero. Ottenuto il composto, rimettetelo sul fuoco a fiamma bassa, mescolando fino a raggiungere la densità desiderata. In seguito invasate la marmellata ancora calda, in barattoli precedentemente sterilizzati. Chiudeteli con il coperchio solo quando il composto si sarà raffreddato.

Ingredienti

  • 1 kg di polpa di corbezzoli maturi
  • 700 gr di zucchero
  • buccia di 1 limone
  • 1 bicchiere d’acqua
Febbraio 2015

Articoli Correlati

Nel periodo natalizio il mandarino viene usato non solo in cucina, ma anche a scopo...
Il cavolfiore, detto anche cavolo fiore o cavolo bianco, era considerato sacro dagli...
All'interno dell'iniziativa “I mercati degli agricoltori per il benessere della comunità...
Dal blog di Rosangela Pesenti un testo intenso e intriso di significato per la Giornata...