feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Il caco

Caco

Il dolce frutto... dell’autunno

Il caco, frutto che simboleggia l’autunno e che possiamo trovare sulle nostre tavole proprio in questo periodo, possiede proprietà molto benefiche per il nostro organismo, infatti oltre ad essere soffice, carnoso e molto dolce è ricco di sali minerali e vitamine, quali la vitamina C e la vitamina A.

Meglio se consumato crudo, esso è particolarmente indicato per coloro che praticano sport o che soffrono di inappetenza e stress psicofisico, oltre che per chi soffre di disturbi epatici o per chi si sta sottoponendo a cure antibiotiche, in quanto questo frutto è importante per proteggere la flora intestinale.

Non molto indicato per coloro che seguono una dieta ipocalorica, in quanto ricco di zuccheri e molto calorico (100 grammi equivalgono a circa 65/70 kcal), il caco è rinomato in particolar modo per le sue qualità diuretiche e depurative.

Costituisce infatti un ottimo rimedio naturale contro la stitichezza e contro lo stress, oltre a proteggere organi importanti del nostro organismo, quali la milza, il pancreas, lo stomaco e l’intestino tenue.

Brevi cenni storici sul caco: il nome della pianta che origina il frutto è Diospyros Kaki, una delle più antiche piante da frutta coltivate dall’uomo, conosciuta da più di 2000 anni in Cina, infatti non a caso viene chiamato anche mela d’oriente.

Sette sono secondo la tradizione cinese le sue virtù: vive a lungo, la chioma della sua pianta fa molta ombra, dà agli uccelli la possibilità di nidificare sui suoi rami, non è attaccato da parassiti, le sue foglie sono decorative e il suo legno dà un bel fuoco.

Il caco oggi è diventato un simbolo della pace in quanto alcuni alberi sopravvissero al bombardamento atomico di Nagasaki nell’agosto del ’45.

Numerosi sono stati successivamente i soprannomi affibbiati al frutto nelle diverse regioni d’Italia, dove si è poi diffuso. Ad esempio in napoletano viene denominato “legnasanta”, perché aprendolo è come se si vedesse Cristo in croce data la forma a croce che assume l’interno del frutto.

 

La Ricetta: Torta di cachi 

Ingredienti

• 300 gr di farina 00

• 170 gr di zucchero semolato

• 2 uova intere

• 50 gr di olio

• la scorza grattugiata di un limone

• una bustina di lievito vanigliato per dolci

• un pizzico di sale

Preparazione

Schiacciate i cachi con una forchetta dopo averli lavati accuratamente e aver tolto la buccia.

Nel frattempo montate le uova con la frusta elettrica, aggiungendovi lo zucchero e l’olio per ammorbidire l’impasto fino a che non diventerà chiaro e spumoso. Unite all’impasto il sale, la scorza di limone e la polpa dei cachi mescolando il tutto con la frusta elettrica.

Setacciare poi sul composto la farina e il lievito. Versare il tutto in una teglia rivestita con carta da forno.

Cuocere in forno caldo a 170 gradi per 40 minuti o fino a che la superficie non assumerà un bel colorito dorato, provando la cottura con uno stecchino.

Una volta sfornato, lasciatelo raffreddare e cospargete la superficie di zucchero a velo.

Novembre 2015

Articoli Correlati

Incontri, scambi, momenti formativi e ludici hanno arricchito la nuova edizione della...
Il recente libro di Elena Granata evidenzia come le donne abbiano sempre maturato un...
Dal 21 giugno al 12 luglio torna il festival organizzato da Legambiente Bergamo che...
Al Polaresco l’1 e il 2 giugno un fine settimana dedicato ad ambiente, natura e cura del...