feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Giuggiola

Giuggiola

Il confetto d’autunno

Frutto nobile e prelibato, spesso dimenticato sulle tavole degli italiani, la giuggiola conquista e incuriosisce per il suo aspetto ovoidale; è avvolta da una buccia di color rosso scuro contenente una polpa compatta e farinosa, dal sapore dolce e leggermente acidulo, simile a quello della mela.

Di provenienza asiatica, la giuggiola è un vero e proprio regolatore naturale del metabolismo. La presenza di amminoacidi favorisce la formazione delle ossa, dei muscoli, del sangue, degli ormoni, della pelle e degli enzimi. Cura l’insonnia, disturbi nervosi e purifica il fegato.

Dalla radice del giuggiolo si ottiene una polvere da applicare su ferite e ulcere; per questo in Cina l’impacco viene utilizzato diffusamente per il trattamento di ustioni. Ricco di minerali, contiene vitamina C venti volte in più rispetto a qualsiasi tipo di agrumi, oltre che vitamine del complesso B e A.

Ne conseguono numerosissime proprietà benefiche: emollienti, espettoranti, sedative, ipocolesterolemizzanti e antinfiammatorie. Le giuggiole possono essere consumate sia crude che cotte.

Si prestano molto bene all’essiccazione o ad essere candite; è possibile trasformarle in confetture oppure ottenerne sciroppi, tè e liquori, in particolare il famoso Brodo di Giuggiole.

In generale non hanno controindicazioni, tuttavia è bene consumarle con moderazione perché contengono fruttosio, che può risultare dannoso per la salute se assunto in quantità eccessive.

 

Giuggiole candite

Ingredienti

• 1 kg giuggiole secche

• 1/3 tazze di acqua fredda

• 2/3 tazze di zucchero semolato

• 2 cucchiaini di amido di mais

Preparazione

Lavare e sgocciolare le giuggiole. Bucherellare ogni giuggiola con una forchetta. Mescolare l’acqua fredda, lo zucchero e l’amido di mais.

Portare a ebollizione e aggiungere le giuggiole. Cucinare mescolando con pentola scoperta per 30 minuti.

Togliere dal fuoco, lasciar raffreddare e riporre il composto per tutta la notte in frigorifero.

Al mattino, rimettere a bollire il composto scoperto per altri 30 minuti. Quindi, rimuovere le giuggiole dallo sciroppo e metterle su teglie ricoperte di stagnola.

Posizionare le teglie in forno a 140°C e cuocere da 2 a 5 ore, ovvero fino a quando le giuggiole appariranno secche al tatto.

 

 

Ottobre 2016

Articoli Correlati

Il nostro Paese ospita alcune cascate davvero suggestive. Si tratta di meraviglie...
Promosso da Orto Botanico di Bergamo, il contest per falegnami e artigiani che darà casa...
Si è conclusa con successo l’edizione 2022 del Festival della SOStenibilità di Bergamo,...
Un prezioso frutto colorato Appartenente alla famiglia delle Rosaceae, la prugna è il...