feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Buone notizie dal Parlamento: Ok alla legge su km0 e filiera corta

Per fortuna anche la legge ha dato linee guida di buon senso Il 30% delle aree dei mercati dedicate al chilometro zero

Alla Camera dei Deputati in data 11 maggio 2022 è stata approvata in via definitiva la legge sulla promozione dei prodotti agricoli e alimentari a chilometro zero e a filiera corta, in linea con la strategia Farm to Fork (“dal campo alla forchetta”) dell’Unione Europea.

La legge prevede infatti che i Comuni destinino almeno il 30% dell’area dei mercati alla vendita diretta dei prodotti a chilometro zero, il che ci auguriamo sia presto messo in atto dagli enti locali e inneschi un’economia locale troppo spesso trascurata a favore di grandi marchi e catene di distribuzione, spesso internazionali. Non è raro imbattersi in mercati che ormai sono tutto tranne che una vetrina delle produzioni tipiche, locali o di qualità.

Chilometro Zero… fino a 70 chilometri

La legge definisce cosa s’intende per chilometro zero e filiera corta. Nel primo caso si tratta di prodotti dell’agricoltura e dell’allevamento provenienti da luoghi di produzione e di trasformazione della materia prima non superiore ai 70 chilometri di raggio dal luogo di vendita o comunque provenienti dalla stessa provincia del luogo di vendita. Questa ulteriore specifica è importante per una provincia come la nostra che ha una dimensione territoriale di oltre 2.700 kmq.

Inutile e addirittura dannoso sarebbe un limite esclusivo per province, dato che molti territori di confine non potrebbero inserire in quest’area riservata i produttori a pochi chilometri di distanza se collocati appena oltre il confine provinciale.

La definizione di filiera corta invece fa riferimento all’assenza d’intermediari commerciali tra il produttore e il consumatore, con la specifica che le cooperative e i consorzi non sono considerati intermediari. La legge prevede poi l’istituzione del logo nazionale “chilometro zero” e di quello “filiera corta” in modo tale che questi prodotti siano immediatamente riconoscibili dai cittadini che così possono compiere degli acquisti consapevoli.

“Un provvedimento importante e anche molto concreto – sottolinea la parlamentare bergamasca Leyla Ciagà - che si pone come obiettivo quello di favorire la vendita e il consumo di prodotti del territorio con tutte le loro peculiarità in termini di biodiversità, storia e qualità, valorizzandoli anche sotto il profilo economico. Spesso si tratta, inoltre, di prodotti che hanno un impatto ambientale più basso a causa della riduzione degli imballaggi e delle emissioni legate al trasporto”.

La legge avrà quindi conseguenza anche nel territorio bergamasco che tra l’altro è già ricco di esperienze di questo tipo che, anzi, dedicano molto più spazio ai prodotti locali, al km zero e alla filiera corta. In alcuni esempi, c’è pure un limite anche alla dimensione dei produttori, al fine di favorire uno sbocco di mercato a quelli più piccoli e a conduzione familiare, i quali spesso non hanno le stesse possibilità di competere con imprenditori di scala industriale. Noti sono i quattro "mercati agricoli e non solo" dell’associazione Mercato&Cittadinanza (Bergamo-Monterosso, Albino, Alzano Lombardo, Almenno S. Bartolomeo) con un disciplinare molto avanzato in questo senso. Ci sono inoltre il mercato del Parco dei Colli, con le produzioni caratteristiche dell’area, i Mercati della Terra a Bergamo e nella pianura bergamasca a Treviglio (la condotta Slow Food Bassa Bergamasca ora sta ampliando ulteriormente le proposte dei mercati locali a Calvenzano e a Brignano), il mercato Briologico a Ponte San Pietro e quello della Porta del Parco a Mozzo, gestito dalla Cooperativa Alchimia.

Giugno 2022

Articoli Correlati

Incontri, scambi, momenti formativi e ludici hanno arricchito la nuova edizione della...
Dal 21 giugno al 12 luglio torna il festival organizzato da Legambiente Bergamo che...
Il recente libro di Elena Granata evidenzia come le donne abbiano sempre maturato un...
Al Polaresco l’1 e il 2 giugno un fine settimana dedicato ad ambiente, natura e cura del...