feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

VII Festival della Fotografia Etica: quando la fotografia parla alle coscienze

VII Festival della Fotografia Etica: quando la fotografia parla alle coscienze

A Lodi il Festival che sconvolge e incanta

Dall’8 al 30 ottobre riapre a Lodi il Festival della Fotografia Etica, la manifestazione nata nel 2010 da un’idea del Gruppo Fotografico Progetto Immagine per approfondire contenuti di grande rilevanza etica attraverso le immagini.

Anche quest’anno, grazie a un ricco programma di mostre di fotoreporter di livello internazionale e numerosi dibattiti, workshop, letture e videoproiezioni, i visitatori hanno potuto indagare la relazione tra etica, comunicazione e fotografia.

Come ogni anno il programma espositivo proposto per l’occasione ha messo al centro del proprio indagare molte tematiche importanti suddivise in cinque percorsi tematici differenti.

Fiore all’occhiello dell’edizione lo Spazio Tematico “Le vite degli altri”, che quest’anno si è articolato in quattro esposizioni di stampo antropologico, realizzate da altrettanti fotografi, finalizzate ad alzare il sipario sulla quotidianità e le tradizioni di quelle popolazioni che vivono ai confini estremi del mondo, dal punto di vista sia geografico sia culturale.

Molto intenso anche lo Spazio Approfondimento “Il male del secolo”, con la toccante storia narrata dalla mostra A Life in Death.

Lo Spazio Ong invece ha accolto tre mostre di altrettanti lavori commissionati rispettivamente da Unicef Libano, Survival International Italia e Greenpeace Germania. A queste già molto corpose sezioni si aggiungeranno inoltre, sia il percorso espositivo proposto dalla sezione “Uno sguardo sul mondo, sia l’immancabile Spazio World.Report Award. In via del tutto eccezionale, quest’anno hanno fatto parte di quest’ultimo Spazio non solo i quattro lavori selezionati nell’ambito del World Report Award Documenting Humanity 2016, ma anche i due lavori premiati nell’ambito dell’ultima edizione del Premio Voglino del Frame Foto Festival di Salsomaggiore.

Le mostre sono state allestite come sempre nelle sedi più prestigiose del centro storico di Lodi, mentre le serate e i dibattiti si sono svolti presso la Biblioteca Comunale della città.

Quest’anno il Festival intende oltrepassare i confini della cittadina lombarda e diventare vero e proprio motore di cultura diffusa e capillare attraverso l’iniziativa Travelling Festival.

Il Festival della Fotografia Etica porterà infatti le proprie mostre anche in altre città d’Italia, come Milano, Voghera, Perugia e Bergamo (www.festivaldellafotografiaetica.it/travelling-festival/).

Elisa Troiani

Ottobre 2016

Articoli Correlati

Economia Solidale e Sociale: verso una legge regionale
Nei mesi scorsi è stato avviato il percorso per una proposta di legge regionale sull’...
Screpolature da freddo. Un fastidio che si può prevenire
Tagli e secchezza sulle labbra e sulle mani possono rendere l'inverno difficile da...
“Anthropoceano”, il primo murales mangia-smog di Milano
L'opera d'arte è realizzata con pittura Airlite capace di assorbire anidride carbonica e...
Australia in fiamme. La “Chernobyl della crisi climatica”
La terra dei canguri messa in ginocchio dai roghi. Ma la politica continua a scegliere il...