feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Verza: il cavolo “bauscia”

verza

Chi non ha mai pasteggiato con questo ortaggio, forse poco invitante ma dal sapore molto gustoso? La verza è una varietà di Brassica oleracea, simile al cavolo cappuccio ma con la foglie più grinzose, increspate e dalla nervatura prominente. Chiamato anche ‘Cavolo di Milano’, la verza è un ortaggio tipico della Pianura Padana, della zona del Pavese e del Canavese.

Questa pianta biennale ha vari colori, a seconda della zona di produzione: può passare dal comune verde al più elegante viola, prodotto nella zona di Treviso. Si tratta di una pianta molto delicata: vi sono numerose malattie che la minacciano, dalla peronospora agli insetti parassiti come la mosca del cavolo o i lepidotteri.

In cucina la verza viene utilizzata in svariati piatti tipici: in Valtellina accompagna spesso i Pizzoccheri, mentre nel piacentino viene mangiata con le costine di maiale. Anche le cucine olandese e rumena ne fanno largo uso: la prima utilizza la verza con i Wurstel, mentre in Romania viene cucinato il “sarma”: foglie di verza che racchiudono della carne macinata, riso e cipolle.

 

Crocchette di verza e fagioli 

Preparazione

Mettere i funghi secchi a bagno in acqua tiepida per una ventina di minuti. Pulire la verza privando le foglie della costa centrale e fare scottare il resto in acqua bollente per 3-4 minuti. In una padella antiaderente preparate un soffritto con scalogno tritato, olio extravergine ed i funghi, regolate di sale e continuate a cuocere per 5 minuti.

Schiacciate la verza, che in precedenza avrete grossolanamente tritato, unite i fagioli scolati e schiacciate il composto con una forchetta. Aggiungere i funghi, sale, pepe e pangrattato e preparate le crocchette: grosse come una noce e leggermente infarinate. Friggetele in olio abbondante per 2 minuti ogni lato e servitele calde. 

 
Ingredienti
  • 200 gr Fagioli cannellini
  • 100 gr farina
  • 40 gr pane grattugiato
  • 20 gr funghi secchi
  • 1 scalogno
  • ½ cavolo verza
  • Olio di arachidi, olio extravergine, sale e pepe q.b.
Febbraio 2019

Articoli Correlati

Economia Solidale e Sociale: verso una legge regionale
Nei mesi scorsi è stato avviato il percorso per una proposta di legge regionale sull’...
Fragola
Il frutto privilegiato del Re Nella Francia del 1700 Luigi XIV ne ordinò la coltivazione...
Crescione
La pianta spontanea Già dai tempi dei romani il Crescione era considerato un toccasana...
Le allergie primaverili. Un problema diffuso
Consigli su come affrontarle con gli antistaminici Sono davvero molte le persone che...