feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Vacanze 2020. Parola d'ordine: prossimità

Vacanze 2020

Vacanze a corto raggio, turismo lento, attività open air e strumenti digitali. Le prospettive per l'estate ai tempi del post-Covid

Tra i settori più colpiti dall'emergenza Covid-19, c'è senza dubbio quello dei viaggi e del turismo. Il blocco mondiale degli spostamenti e le misure di contenimento e di prevenzione di nuovi focolai del virus hanno messo in stand by un mondo abituato a spostarsi velocissimamente da un capo all'altro del pianeta, costringendolo a ripensarsi in altri termini. 

In Italia, tragico epicentro europeo del Covid-19, le limitazioni hanno investito anche i movimenti tra regioni e, con l'avvicinarsi del periodo estivo, stanno ridisegnando le prospettive turistiche e le tradizionali vacanze degli italiani

Tutto questo, se da un lato ha causato e sta causando tutt'ora grande sofferenza al comparto turistico, ha avuto anche un altro effetto: ha portato moltissima gente a cercare mete vicine, facilmente raggiungibili all'interno della propria regione, e a valorizzare inaspettatamente le ricchezze turistiche, naturalistiche e architettoniche “vicino casa”. Un modo per sostenere l'Italia e la sua economia, ma anche un modo per ovviare alle difficoltà che – tra aerei e traghetti – potrebbero comportare i lunghi spostamenti. Non solo. L'estate 2020 sta portando molti a orientarsi verso quelle modalità di viaggio che facilitano il distanziamento sociale: via libera dunque a trekking in montagna, a cammini a tappe nell'entroterra italiano, al cicloturismo... 

Stayvacation e undertourism

Secondo un'analisi del Centro Studi del Touring Club Italiano, gli scenari che si apriranno per il turismo nei prossimi mesi o anni saranno strettamente connessi sia alla questione sanitaria, sia a quella economica: le ricadute della crisi hanno colpito sia il comparto turistico sia le tasche degli italiani, e questo si tradurrà in un tipo di turismo diverso, probabilmente più povero e ravvicinato. Si affermeranno la cosiddetta “stayvacation”, cioè forme di viaggio di breve e medio raggio, concentrate in Italia e nei dintorni della residenza abituale, e quello che viene definito “undertourism” in contrapposizione con l'”overtourism” degli anni scorsi: si privilegeranno cioè le attività meno affollate, quelle open air, il turismo lento e – in generale – i luoghi meno noti. I viaggi individuali, di coppia o di famiglia, riprenderanno più velocemente di quelli di gruppo, e la ripresa favorirà probabilmente la bassa stagione rispetto al periodo estivo. Infine, grande importanza rivestiranno da qui al futuro gli strumenti digitali per le prenotazioni e per le promozioni territoriali. 

Insomma un vero e proprio (necessario) cambio di paradigma. Che sia l'occasione per riscoprire le bellezze italiane che tutto il mondo ci invidia? 

Erica Balduzzi

 

 

Luglio 2020

Articoli Correlati

Settimana Europea della Mobilità. Come spostarsi nell'era post-Covid?
A settembre torna l’appuntamento europeo annuale. Focus sulla mobilità del futuro e sulle...
Adelante, con juicio
Mobilità in transizione… ecologica. Accelerare le soluzioni, per rallentare i ritmi...
Mare chiama terra. È tempo di invertire la rotta
Riportare i mari europei a un buono stato ambientale: obiettivo mancato. L'allarme dell'...
Tavoli e piante in Piazza Vecchia come simbolo di rinascita
Torna anche quest'anno a Bergamo “I Maestri del Paesaggio”. Nell'incontro tra natura e...