feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

“Us da le as”, la nuova stagione

“Us da le as”, la nuova stagione

Al via a Brescia la rassegna teatrale in dialetto

Teatro, tradizione e dialetto: l'autunno bresciano parte all'insegna delle radici popolari con “Us da le as”, rassegna dialettale che raccoglie non solo appassionati ma anche un numero crescente di curiosi, raccontando di un'attenzione viva e vegeta del territorio alle proposte culturali.

“Us da le as” è infatti un'ampia e ricchissima stagione teatrale dedicata al dialetto bresciano che nel 2018-2019 giunge alla sua tredicesima edizione e porta sul palcoscenico spettacoli variegati nei quali a farla da padrone sono il dialetto, la territorialità e il folclore locale, a riprova del fatto che passato e presente possono trovare intrecci comuni.

La rassegna, patrocinata dal comune di Brescia e coordinata dall'associazione Palcogiovani, è partita domenica 30 settembre al Cinema Teatro Colonna (via Chiusure 79/c, Brescia) con “La penitensa de Giuanì” a cura della compagnia Teatro7 di Calvisano e proseguirà poi fino a maggio, grazie alla partecipazione di compagnie da tutta la provincia bresciana (e non solo) e alla collaborazione con diversi teatri sul territorio cittadino.

A ottobre abbiamo quindi i quattro appuntamenti domenicali al Colonna per “Al Colonna...El dialèt!”, mentre a partire da sabato 6 ottobre ci saranno “Sich sére col dialèt” al Teatro don Bosco di Folzano. Il 28 ottobre e il 25 novembre al Cinema Teatro Sereno ci sono i due appuntamenti di “El piazér del dialèt”, mentre il teatro Santa Giulia ospita dal 3 al 24 novembre gli spettacoli per “Quàter Sabòcc”.

Altri appuntamenti sono previsti nei mesi di novembre e dicembre presso la Sala della Comunità, il Teatro Parrocchiale di via Casazza, il Teatro Parrocchiale “Cristo Re” e il Teatro della Parrocchia di San Giovanni Evangelista.

Con “Us da le as” - sigla che letteralmente significa “Voci dalle assi”, cioè quelle del palcoscenico - il teatro torna ad assumere quella valenza popolare che talvolta pare aver perso, e lo fa dando spazio alla tradizione linguistica e teatrale del territorio in cui affonda le proprie radici. 

Ottobre 2018

Articoli Correlati

Settimana Europea della Mobilità. Come spostarsi nell'era post-Covid?
A settembre torna l’appuntamento europeo annuale. Focus sulla mobilità del futuro e sulle...
Adelante, con juicio
Mobilità in transizione… ecologica. Accelerare le soluzioni, per rallentare i ritmi...
Mare chiama terra. È tempo di invertire la rotta
Riportare i mari europei a un buono stato ambientale: obiettivo mancato. L'allarme dell'...
Brescia: un video racconta la solidarietà in tempo di lockdown
Da febbraio a luglio 2020 distribuiti quasi 500 mila chili di cibo a scopo sociale. L'...