feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

“Us da le as”, la nuova stagione

“Us da le as”, la nuova stagione

Al via a Brescia la rassegna teatrale in dialetto

Teatro, tradizione e dialetto: l'autunno bresciano parte all'insegna delle radici popolari con “Us da le as”, rassegna dialettale che raccoglie non solo appassionati ma anche un numero crescente di curiosi, raccontando di un'attenzione viva e vegeta del territorio alle proposte culturali.

“Us da le as” è infatti un'ampia e ricchissima stagione teatrale dedicata al dialetto bresciano che nel 2018-2019 giunge alla sua tredicesima edizione e porta sul palcoscenico spettacoli variegati nei quali a farla da padrone sono il dialetto, la territorialità e il folclore locale, a riprova del fatto che passato e presente possono trovare intrecci comuni.

La rassegna, patrocinata dal comune di Brescia e coordinata dall'associazione Palcogiovani, è partita domenica 30 settembre al Cinema Teatro Colonna (via Chiusure 79/c, Brescia) con “La penitensa de Giuanì” a cura della compagnia Teatro7 di Calvisano e proseguirà poi fino a maggio, grazie alla partecipazione di compagnie da tutta la provincia bresciana (e non solo) e alla collaborazione con diversi teatri sul territorio cittadino.

A ottobre abbiamo quindi i quattro appuntamenti domenicali al Colonna per “Al Colonna...El dialèt!”, mentre a partire da sabato 6 ottobre ci saranno “Sich sére col dialèt” al Teatro don Bosco di Folzano. Il 28 ottobre e il 25 novembre al Cinema Teatro Sereno ci sono i due appuntamenti di “El piazér del dialèt”, mentre il teatro Santa Giulia ospita dal 3 al 24 novembre gli spettacoli per “Quàter Sabòcc”.

Altri appuntamenti sono previsti nei mesi di novembre e dicembre presso la Sala della Comunità, il Teatro Parrocchiale di via Casazza, il Teatro Parrocchiale “Cristo Re” e il Teatro della Parrocchia di San Giovanni Evangelista.

Con “Us da le as” - sigla che letteralmente significa “Voci dalle assi”, cioè quelle del palcoscenico - il teatro torna ad assumere quella valenza popolare che talvolta pare aver perso, e lo fa dando spazio alla tradizione linguistica e teatrale del territorio in cui affonda le proprie radici. 

Ottobre 2018

Articoli Correlati

verza
Chi non ha mai pasteggiato con questo ortaggio, forse poco invitante ma dal sapore molto...
Acqua di mare: salata oggi, dolce domani
Il politecnico di Torino si è ispirato alle mangrovie e ha creato una tecnologia per...
castoro
Da oltre quattro secoli il roditore ingegnere era assente dall’Italia. Confermato a...
Il calore terapeutico funziona davvero?
Consigli e indicazioni per trattare le infiammazioni con il calore Nell’ambito delle...