feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Territori ed efficienza energetica

Territori ed efficienza energetica

Il teleriscaldamento a freddo. Sistema al passo con l’Europa

Una proposta innovativa quella del teleriscaldamento a freddo. Un ossimoro linguistico che in termini ambientali e ingegneristici è al tempo stesso semplice e rivoluzionario.

Con l’obiettivo di spiegare che sotto di noi c’è una miniera di risorse non impiegate che le nuove tecnologie sono in grado di recuperare e trasformare in nuova energia: questo l’obiettivo del convegno di venerdì 16 giugno all’IseoLago Hotel di Iseo (Bs), promosso da Cogeme SpA dal titolo “Territori ed efficienza energetica”, rivolto ad amministratori e tecnici per illustrare un impianto di recupero dell’acqua di falda che, attraverso pompe e centraline è in grado di reimpiegarla nel sistema energetico per riscaldare e rinfrescare i nostri edifici.

Durante il pomeriggio, dopo l’introduzione del sindaco di Iseo Riccardo Venchiarutti e una prima carrellata di “case history” di eccellenze europee, è stato presentato l’esempio concreto di Ospitaletto, nell’ovest bresciano.

Proprio qui, grazie a un’esperienza pilota di partnership con il privato, l’azienda siderurgica Aso ha realizzato il progetto di teleriscaldamento a freddo che permetterà di riconvertire gli edifici pubblici, dal municipio, alle scuole, al centro sociale, ottenendo risparmi concreti in termini di costi e reali benefici sull’ambiente. Stimate 430 tonnellate di CO2 in meno l’anno, con una riduzione del 51% già da quest’anno.

Un accordo reso possibile grazie a Cogeme, Aso e all’amministrazione comunale e che risulta una prima assoluta nell’intera provincia. Il sistema è di facile intuizione: i residui di calore disperso da Aso Group durante le attività di acciaieria, verranno convogliati in una centrale di pompaggio che sostituirà tutte le attuali centrali a gas e fornirà energia agli edifici pubblici, utile sia al riscaldamento che al raffrescamento.

Le reti a bassa temperatura come questa sono una realtà in molti Paesi del nord d’Europa, in Svizzera e in Olanda, ma per l’Italia sono una novità e di certo un tassello concreto delle energie rinnovabili sulle quali fare affidamento per il prossimo futuro.

Fabio Giovanni Perletti

Luglio 2017

Articoli Correlati

Elezioni nazionali
L'Italia si prepara al primo voto con il Rosatellum Urne aperte domenica 4 marzo, dalle...
Pera
Un dono divino per la memoria Il pero, originario delle zone temperate del vecchio mondo...
Sformati di cicoria con crema di fave
L'alleata della depurazione viene dai prati Un tempo si diceva “pane e cicoria” per...
Il libro di Emanuela Scarpellini
Un libro ci svela come vivevano gli italiani del passato a partire dalla tavola Per uno...