feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Scatti da Brescia Green 2018

Scatti da Brescia Green 2018

Alcuni momenti del festival che da venerdì 13 a domenica 15 aprile ha portato la sostenibilità per le vie del centro cittadino

Tra gli obiettivi dichiarati di Brescia Green, il festival andato in scena per il secondo anno di fila tra Corso Zanardelli e via X Giornate nel fine settimana dal 13 al 15 aprile, c’è il desiderio di costruire una rete di soggetti capaci di portare una ventata di sostenibilità e di buone pratiche in tema di ambiente, dandosi un appuntamento annuale tra le vie del centro storico bresciano.

In particolare lungo una di quelle vie che - come tiene a ricordare l’assessore all’Ambiente Gianluigi Fondra, promotore dell’iniziativa - fino a pochi anni fa erano ancora invase dal traffico: Corso Zanardelli, ora esclusivamente pedonale.

Organizzato dall’assessorato all’Ambiente del Comune di Brescia e da infoSOStenibile, anche quest’anno il festival si è rivelato un’occasione di incontro tra i cittadini e alcune realtà che durante tutto l’anno lavorano sul territorio: associazioni, cooperative, enti, istituzioni e imprese che praticano la sostenibilità, ciascuno nel proprio ambito.

Proprio grazie alla loro collaborazione, il programma di Brescia Green si è arricchito di tante novità per questa seconda edizione: tre importanti convegni su economia circolare, economia solidale e lotta agli sprechi alimentari, uno spazio bimbi per le giornate di sabato e domenica, uno spettacolo teatrale per famiglie, biciclettate, iniziative al museo del ferro, approfondimenti con professori delle due università cittadine, caffè equi e solidali, degustazioni e un pranzo in compagnia. Iniziative che per la maggior parte si sono svolte presso la grande tensostruttura su via X Giornate – una delle novità del 2018 – dove erano ospitate una quindicina tra associazioni e cooperative sociali, uno spazio incontri e l’area bimbi.

Altre novità di questa seconda edizione sono state la collaborazione con Radio Bruno che ha dato voce al festival con una postazione fissa per le tre giornate e con il quotidiano Bresciaoggi, che ha dedicato un intero speciale al nostro festival. E ora alcuni scatti dei momenti più memorabili di Brescia Green 2018.

Venerdì fa rima con scuole

Tante voci, volti sorridenti: si è aperto così il festival nella mattinata di venerdì 13 aprile, tra Corso Zanardelli e le sale del MoCa per una giornata tutta dedicata alle scuole e ad alcuni progetti che le hanno coinvolte: “Tommy e Ollie for Health” sulla dieta mediterranea promosso dall’Associazione Idea e “Ri-vestire il mondo di valore” a cura del settore educazione ambientale della Rete CAUTO. Volti e sorrisi che poi, alle 12.00, hanno dato ancora più colore al taglio del nastro insieme a enti e istituzioni, che quest’anno hanno visto, oltre all’assessore Fondra, la presenza del Rettore dell'Università degli Studi di Brescia, prof. Maurizio Tira.

Lo spazio incontri: il cuore pulsante di Brescia Green

Una grande struttura polivalente in via X Giornate ha ospitato quest’anno lo Spazio incontri del festival, un luogo dove si sono susseguiti per le tre giornate importanti convegni e momenti di approfondimento, che hanno contribuito a dar forma al ventaglio di significati che ambiente e sostenibilità portano con sé. Si è parlato per esempio di sostenibilità sociale con il progetto OrtoLibero che ha coinvolto alcune scuole e detenuti della casa di reclusione di Verziano; di ambiente e smart city insieme alle università degli Studi e Cattolica, Confartigianato e A2A, ma anche di povertà energetica, di salute, di sprechi alimentari.

Il festival dei più piccoli tra laboratori, giochi e teatro

La grande novità di quest’anno è stata la parte del programma pensato per coinvolgere bambini e famiglie. Sabato e domenica, un apposito spazio è stato dedicato al divertimento dei più piccoli che, passando per le vie del corso, avevano la possibilità di fermarsi e sperimentare alcune iniziative proposte da quattro diverse associazioni: AmbienteParco, Bimbo chiama Bimbo, Officina dell’Arte, e l’Associazione Idea. Nel pomeriggio di domenica poi, gli attori della compagnia Filodirame (Palazzolo sull’Oglio, Bs) hanno messo in scena “Ortaggi all’arrembaggio”, un divertente e coinvolgente spettacolo teatrale.

Pedalare in città

Quando si parla di sostenibilità, una bella biciclettata ci sta sempre. Due ancora di più. Nel primo pomeriggio di sabato 14 aprile una banda festosa di cicloamatori è partita dalle vie del festival in direzione della Valle di Mompiano per raggiungere la natura a due passi dalla città. Però si sa, una pedalata tira l’altra. Il giorno successivo c’è stata allora la replica con una biciclettata in compagnia che ha raggiunto il Museo del Ferro (una delle sedi del Musil, museo dell’industria e del lavoro) per una visita a loro dedicata con merenda.

Pranzo SOStenibile, solidale e antisprechi

Il pranzo domenicale è da trascorrere rigorosamente in compagnia e allora anche Brescia Green ha sposato la tradizione allestendo per oltre 50 persone un pasto all’insegna della sostenibilità, preparato da Bistrò Alla Maggia (Cooperativa sociale ArticoloUno) e servito dai volontari dell’Organizzazione Mato Grosso. Dove sta la sostenibilità? Nel fatto che alcuni dei piatti sono stati preparati utilizzando le eccedenze alimentari provenienti dalla grande distribuzione e recuperati dalla Dispensa sociale di CAUTO. Evitare gli sprechi si può, a cominciare dalla tavola.

Molto altro…

A Brescia Green c’è stato tutto questo, ma anche molto altro: test drive con auto ibride ed elettriche delle concessionarie che hanno aderito al festival. Ma anche l’apertura straordinaria del Museo del Ferro con una programmazione tutta dedicata alla tre giorni del festival.

O ancora le degustazioni promosse e organizzate da Chico Mendes, Bio a casa tua e dal birrificio toscano Rasinia che ha anche animato l’area food della manifestazione dove è stato possibile assaggiare pietanze preparate con prodotti biologici e dissetarsi con ottime birre.

Tanti anche gli eventi del Fuori festival come il Graduation Day degli studenti della prima edizione del Master in Gestione e Comunicazione della sostenibilità dell’Alta Scuola per l’Ambiente dell’Università Cattolica o il laboratorio di riciclo creativo Bimbetty, che si è tenuto a Spigolandia il sabato pomeriggio. Insomma, tre giorni intensissimi che ci auguriamo voi abbiate passato, anche solo per un momento, tra Corso Zanardelli e via X Giornate a Brescia. Se non l’avete fatto, non possiamo che rimandare l’appuntamento all’anno prossimo.

Gianluca Zanardi

Maggio 2018

Articoli Correlati

Clima e povertà
Cause che generano effetti: i cambiamenti climatici costringono milioni di persone a...
Vola vola vola la fregata andrewsi
Originaria dell’Isola di Natale, è ad altissimo rischio d’estinzione a causa della...
Il castello di Punta Troia
La remota e selvaggia isola delle Egadi (TP) è la meta ideale per chi cerca una vacanza...
Il Re Leone
Un cammino di crescita e scoperta di sé "Il Re Leone" è un classico Disney del 1994,...