feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Ridare valore al cibo

Ridare valore al cibo

Giornata di lavori sull’alimentazione consapevole a cura del tavolo sostenibilità di East Lombardy durante il Festival Brescia Green

Sabato 6 maggio a Brescia negli spazi del Cinema Nuovo Eden si è tenuto il convegno “Ridare valore al cibo”, sul tema dell’alimentazione consapevole.

L’appuntamento, organizzato dal Tavolo sostenibilità di East Lombardy in collaborazione con il Comune di Brescia e con il Festival Brescia Green, ha rappresentato un’opportunità di scambio di buone prassi in tema di filiera corta, recupero del cibo e educazione alimentare tra i territori di Bergamo, Brescia, Cremona e Mantova che insieme costituiscono la Lombardia Orientale - Regione Europea della Gastronomia 2017.

“Ridare valore al cibo” è stata un’occasione per portare a reciproca conoscenza i progetti attuati nell’ambito della filiera corta, lotta allo spreco, educazione alimentare e qualità del cibo, attivati nelle quattro province della Lombardia Orientale.

L’appuntamento ha contribuito a dare valore al cibo attraverso la diffusione della conoscenza di progetti e azioni replicabili nei diversi territori.

Nella mattinata vi è stata, dopo i saluti degli Amministratori del Comune di Brescia, la presentazione di alcune esperienze che si sono distinte nella promozione e gestione della filiera corta come il Biodistretto sociale e il Coordinamento dei mercati di Bergamo, nella lotta allo spreco come la cooperativa sociale Cauto di Brescia, nella promozione di interventi di inclusione sociale come la cooperativa sociale Nazareth di Cremona, nell’educazione agro-alimentare a scuola come avviene a Mantova nella primaria Pomponazzo.

La giornata è stata introdotta da Francesca Forno, professoressa di Sociologia presso l’Università di Trento; da Livia Consolo, coordinatrice del progetto “Alimentarsi – Impariamo mangiando” del Comune di Brescia; da Lorenzo Berlendis, vice-presidente di Slow Food Italia.

Nel pomeriggio i partecipanti hanno seguito le presentazioni di numerose esperienze dei quattro territori nei tre gruppi di lavoro in sessioni contemporanee:

• coordinati dall’Assessore di Bergamo Leyla Ciagà e dal giornalista Carlos Mac Adden del Corriere della Sera i progetti sulla filiera corta di Bergamo con Aspan, Slow Food Lombardia, le cooperative Castel Cerreto, Biplano e Nona; di Brescia con il Consorzio Agroculturale, i D.E.S. della città e del basso Garda e la cooperativa Via del Campo; di Cremona con l’associazione Filiera Corta Solidale; di Mantova con il Consorzio Agrituristico Mantovano.

• coordinati dall’Assessore di Mantova Andrea Caprini e dalla giornalista Silvia Tropea Montagnosi i progetti sull’educazione alimentare del Comune di Brescia e di Slow Food; di Cremona con la cooperativa Nonsolonoi; di Mantova con l’associazione Calabrese, il Comune di Borgo Virgilio, Slow Food e l’A.S.S.T. mantovana.

• coordinati da Livia Consolo del Comune di Brescia e dalla giornalista Nicole Orlando i progetti sul recupero del cibo a Bergamo dell’associazione Mt 25 e della cooperativa Namastè; a Brescia della Caritas e delle associazioni L’alveare e Un pane per tutti e a Mantova delle Acli.

 

Didascialia foto: da sinistra

Laura Castelletti > Vice Sindaco del Comune di Brescia

Felice Scalvini > Assessore alle Politiche per la famiglia e la persona

Livia Consolo > Coordinatrice del progetto “Alimentarsi”

Giugno 2017

Articoli Correlati

Economia Solidale e Sociale: verso una legge regionale
Nei mesi scorsi è stato avviato il percorso per una proposta di legge regionale sull’...
Screpolature da freddo. Un fastidio che si può prevenire
Tagli e secchezza sulle labbra e sulle mani possono rendere l'inverno difficile da...
Australia in fiamme. La “Chernobyl della crisi climatica”
La terra dei canguri messa in ginocchio dai roghi. Ma la politica continua a scegliere il...
“Anthropoceano”, il primo murales mangia-smog di Milano
L'opera d'arte è realizzata con pittura Airlite capace di assorbire anidride carbonica e...