feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

“Oltre la plastica”. A Brescia l'incontro-dialogo

“Oltre la plastica”. A Brescia l'incontro-dialogo

A Viviparco un confronto sulle buone prassi in materia di plastica Presenti Rete Cauto, 7Milamiglialontano, Caritas e le Comunità Laudato Sì

Dalle zone del sisma verso il resto del Paese, sullo slancio dei principi dell'enciclica “Laudato Sì” per ripensare il rapporto tra uomo e natura alla luce di quanto scritto da Papa Francesco nel documento che è diventato ormai un manifesto di azioni e pensiero per una larga fetta di società civile: sono le Comunità Laudato Sì, un movimento di pensiero e azioni partito nel 2018 nella Diocesi di Rieti e che lo scorso 28 settembre ha raggiunto anche Brescia. Ha infatti fatto tappa nella città lombarda il “Road Show.

Laudato Sì” promosso dalla Delegazione Caritas Regione Lombardia, con l'incontro “Oltre la plastica” presso il Parco delle Cave, che ha visto dialogare i rappresentanti della Comunità Laudato Sì, della Rete di Cooperative Sociali Cauto, dell'associazione bresciana 7Milamiglialontano, della Caritas Diocesana di Brescia e dell'Officina Laudato Sì della diocesi di Brescia. L'incontro-dialogo di confronto sulle buone prassi si è svolto nel contesto di Viviparco 2019, le iniziative diffuse per la valorizzazione del Parco delle Cave di Brescia.

Buone prassi oltre la plastica

“Oltre la plastica” ha preso il via alle ore 17.30 con “Piatti forti”, l'aperitivo curato dal Circolo Acli di San Polo. In apertura, ha preso la parola Beatrice Mazzocchi di 7Milamiglialontano, che ha presentato l'esperienza di Itaca e la collaborazione con Cauto nell'ambito dell'ultimo progetto dell'associazione: 7 viaggi intorno al mondo in 7 anni a cura di fotografi, giornalisti e videomaker, per percorrere le coste del pianeta, i suoi fiumi e i suoi laghi e raccontare l'acqua, i problemi che la minacciano e le possibili soluzioni.

Con un piede ben piantato nella terra di origine: 7Milamiglialontano e Cauto si incontrano sul territorio e dal percorso comune di attenzione all'ambiente e alla causa sociale nasce Itaca, un catamarano di 6x2,5 metri creato con bottiglie di plastica di scarto raccolte dai lavoratori delle cooperative della rete Cauto. A bordo di Itaca, un team di 7Milamiglialontano ha toccato cinque tappe nei laghi d'Iseo, Idro e Garda, incontrando le diverse realtà attive sui territori per la tutela delle acque locali.

«Se oggi siamo su questo palco a raccontare il nostro percorso - spiega Mazzocchi - è proprio perché abbiamo unito le forze con altre realtà per comuni obiettivi».

La parola è passata poi a Maria Luisa Boccacci, coordinatrice del progetto Comunità Laudato Sì della Diocesi di Rieti, che ha sottolineato il binomio tra dimensione sociale e ambientale messo al centro dall'enciclica di Papa Francesco.

Boccacci ha raccontato la mission del progetto, in primis la costituzione di comunità locali - le Comunità Laudato Sì - per agire insieme e condividere obiettivi rivolti al proprio contesto locale, con attenzione particolare alle tematiche connesse agli impatti ambientali sui territori. A oggi le Comunità Laudato Sì costituitesi in tutta Italia sono 45.

Anna Baldacchini (responsabile dell'Officina Sociale di Cauto) ha poi raccontato la progettualità di Cauto sul territorio bresciano e la sua vocazione verso una coniugazione efficace di sensibilità ambientale, economia circolare e responsabilità sociale.

In particolare, Baldacchini ha rimarcato l'incontro tra il settore operativo di Cauto “Officina sociale” e la Caritas Diocesana di Brescia, con la conseguente definizione del progetto “Plastic less, social more”: progetto che promuove il noleggio di stoviglie riutilizzabili, con logistica e lavaggio, per privati, associazioni e istituzioni pubbliche ad alta inclusione sociale.

«Abbiamo scelto di non usare stoviglie compostabili e materiali usa e getta - spiegano da Cauto -. Il loro utilizzo sposta solo di qualche anno il problema del consumo di altre risorse produzione e smaltimento di rifiuti, ma senza risolverlo. Abbiamo scelto il riuso. Un messaggio per una cultura e di stile di vita che guarda al valore del riutilizzo e al fare insieme».

A chiudere gli interventi sono stati Caterina Calabria dell'Officina Laudato Sì della Diocesi di Brescia e Marco Danesi, vice direttore Caritas per la diocesi di Brescia. 

Ottobre 2019

Articoli Correlati

Economia Solidale e Sociale: verso una legge regionale
Nei mesi scorsi è stato avviato il percorso per una proposta di legge regionale sull’...
Screpolature da freddo. Un fastidio che si può prevenire
Tagli e secchezza sulle labbra e sulle mani possono rendere l'inverno difficile da...
Australia in fiamme. La “Chernobyl della crisi climatica”
La terra dei canguri messa in ginocchio dai roghi. Ma la politica continua a scegliere il...
“Anthropoceano”, il primo murales mangia-smog di Milano
L'opera d'arte è realizzata con pittura Airlite capace di assorbire anidride carbonica e...