feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Nespole

Nespola

Le prime a fiorire, le ultime a maturare

Le nespole sono piccoli frutti ovali e carnosi dal colore giallo-arancione. Succose e dolci, le nespole sono originarie della Cina, da dove si sono poi diffuse dapprima in Giappone e poi nel resto del mondo.

Crescono su alberi dalle grandi e lucide foglie verde scuro. Il fiore del nespolo è uno dei primi a sbocciare in primavera; il frutto viene poi raccolto quando non è ancora maturo ma prima di consumarlo bisogna aspettare un lungo periodo di tempo durante il quale la nespola matura.

Arrivato a giusta maturazione, il frutto risulta morbido, giallo, con la buccia liscia, non avvizzita e ben turgida. Le nespole sono poco caloriche (30 kcal per 100 g) e sono una fonte eccellente di vitamine, sali minerali e fibre. Contengono inoltre l’87% circa di acqua e pochissimi grassi. Questi frutti sono particolarmente ricchi di pectina, una fibra solubile che agisce da lassativo e fa in modo di eliminare le tossine e di ridurre l’esposizione delle mucose del tratto digerente a eventuali sostanze tossiche che vi si possono accumulare.

Le nespole aiutano a ridurre il livello di colesterolo; contribuiscono all’equilibrio elettrolitico del sangue, riducendo così il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari; aiutano a regolare la pressione sanguigna e sono indicate per combattere i calcoli renali e l’iperuricemia, avendo delle particolari proprietà diuretiche. Le potenzialità di questo frutto non si fermano qui.

Le nespole sono ricche di vitamine del gruppo A e B e di altri minerali come ferro, manganese e rame. Proprio la vitamina A fa sì che la nespola funga da antiossidante, che contrasti la formazione dei radicali liberi e che aiuti a proteggere la pelle e le mucose dall’invecchiamento e dai danni causati da agenti esterni. Il magnesio, il manganese, il rame e il ferro contenuti nelle nespole sono importanti minerali utilizzati nelle reazioni chimiche che portano alla formazione di nuovi globuli rossi nel sangue.

Dalla Cina, terra di origine di questo miracoloso frutto, giunge un altro suggerimento: anche le foglie del nespolo hanno notevoli proprietà benefiche.

Per esempio, il loro estratto agisce da mucolitico; per questo motivo in fitoterapia è usato come rimedio per la tosse. Nella medicina tradizionale cinese, le foglie sono usate per curare il mal di testa, il mal di schiena e il vomito.

Le stesse foglie in cosmetologia sono utilizzate per produrre creme antinfiammatorie e antirossore per la pelle.

 

La ricetta - Gamberi con salsa di nespole

Ingredienti

• 4 nespole fresche mature

• 1 cipollotto

• mezzo peperoncino rosso fresco

• 1 mazzetto di prezzemolo

• succo di mezzo limone

• 250 g di gamberi freschi

• 2 cucchiai di olio extravergine di oliva

• sale qb

Preparazione

Sbucciate le nespole e rimuovete i noccioli. Tagliatele a cubetti piccoli e tenetele da parte in una ciotola.

Affettate finemente il cipollotto, tritate il prezzemolo e il peperoncino e aggiungete tutto alla ciotola con le nespole.

Salate e condite con il succo di limone.

Nel frattempo scaldate una padella con l’olio e, quando caldo, saltateci dentro i gamberi per circa 4 minuti, fino a che non hanno preso colore da tutti i lati.

Adagiate la salsa di nespole su un piatto e poi disponeteci sopra i gamberi saltati e servite subito.

 

Aprile 2017

Articoli Correlati

Cibovicino
Il programma della manifestazione Un tradizionale appuntamento da non perdere è...
Funghi prataioli
Gli alleati del sistema immunitario I funghi prataioli sono nativi delle praterie dell'...
Mondo latte e dintorni
La filiera agroalimentare: come siamo messi in Italia? Molto spesso ci capita di sentir...
Pesca
Il frutto dell'“immortalità” Il pesco è un albero originario della Cina, dove da secoli è...