feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Milano, Fa’ la cosa giusta! Al via la raccolta firme per la ESS

Milano, Fa’ la cosa giusta! Al via la raccolta firme per la ESS

Dal 8 al 10 marzo allo storico appuntamento lombardo il lancio ufficiale Obiettivo: 5 mila firme in 180 giorni, per completare un percorso di confronto e partecipazione

A inizio 2019 siamo quasi giunti in dirittura d'arrivo con il percorso verso la proposta di legge regionale a iniziativa popolare a tutela dell'economia solidale e sociale.

Durante la fiera “Fa' la cosa giusta!” di Milano (8-10 marzo 2019), dedicata al consumo critico e agli stili di vita sostenibili, verrà infatti ufficialmente avviata la campagna di raccolta firme in tutta Lombardia per poter sottoporre la bozza al Consiglio Regionale e alle commissioni competenti in materia e per fare così un ulteriore passo in avanti verso il riconoscimento del mondo variegato, fortemente trasformativo e sostenibile dell'economia solidale e sociale. Obiettivo della campagna è raccogliere almeno 5 mila firme entro 6 mesi: non impossibile, se si considera la massa critica di realtà, associazioni e reti territoriali che già da tempo operano nel settore e che, insieme, potrebbero costituire una reale e valida alternativa all'economia tradizionale e ai suoi paradigmi.

Un percorso partito da lontano

La prima proposta di una legge regionale lombarda che tutelasse l'economia solidale e sociale è stata avanzata circa dieci anni fa da RES Lombardia (rete dell'economia solidale della Lombardia), ma non ha avuto un seguito fino a quando, nel 2017, la Provincia di Bergamo non ha deciso di farsi carico della tematica.

Complice di questo rilancio è stato anche il G7 dell'Agricoltura tenutosi a ottobre 2017 proprio a Bergamo, che ha contribuito ad aprire la strada verso la consapevolezza della necessità di una progettualità comune da parte della moltitudine di soggetti che si muovevano nel settore.Sull'esempio delle altre leggi regionali (Emilia Romagna, Abruzzo, Friuli Venezia Giulia) e provinciali (Trento) e basandosi si alcune ricerche universitarie in materia di economia solidale e sociale, riguardanti sia il territorio bergamasco che l'intera realtà italiana ed europea, si avvia quindi il percorso che porterà alla stesura di una prima bozza di proposta di legge, sottoposta nell'ottobre 2018 al vaglio tecnico dell'Ufficio Legislativo di Regione Lombardia per verificare il rispetto dei requisiti tecnici.

Verso la campagna di raccolta firme

Dalle osservazioni dell'Ufficio Legislativo prende poi il via una serie di incontri aggiuntivi con le realtà del territorio lombardo dell’Economia sociale e
dell’Economia Solidale, per aggiornare la bozza di testo e renderla il più possibile adeguata alle necessità del mondo dell'economia solidale e sociale, non da ultima quella di un suo maggiore riconoscimento sul piano istituzionale.

Tra gennaio e febbraio 2019 il testo viene definito e si provvede a un secondo invio all'Ufficio Legislativo di Regione Lombardia, in vista del lancio della raccolta firme programmato agli inizi di marzo. Obiettivo:
cominciare a raccogliere le 5mila firme necessarie durante la fiera del consumo critico più importante della regione, a “Fa’ la cosa giusta”, Milano 10-12 marzo 2019. Un'occasione unica per convogliare il mondo dell'ESS verso un obiettivo comune e significativo.

Approfondimento in collaborazione con Bio Distretto dell'Agricoltura Sociale di Bergamo
Febbraio 2019

Articoli Correlati

verza
Chi non ha mai pasteggiato con questo ortaggio, forse poco invitante ma dal sapore molto...
Acqua di mare: salata oggi, dolce domani
Il politecnico di Torino si è ispirato alle mangrovie e ha creato una tecnologia per...
castoro
Da oltre quattro secoli il roditore ingegnere era assente dall’Italia. Confermato a...
Il calore terapeutico funziona davvero?
Consigli e indicazioni per trattare le infiammazioni con il calore Nell’ambito delle...