feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Michelle Obama

Michelle Obama

La prima First Lady afroamericana

“Dietro un grande uomo, c’è sempre una grande donna” – si dice – ma meglio aggiornare anche i detti, perchè più che dietro, Michelle Obama, si è sempre messa accanto al marito.

La prima First Lady afroamericana non ha certo vissuto nell’ombra; ancor prima della vittoria delle elezioni presidenziali del 2008, che aprirono alla famiglia Obama le porte della Casa Bianca, Michelle si è fatta notare per le sue spiccate doti carismatiche, per l’attenta sensibilità a tematiche sociali e non ultimo per lo stile elegante e classico.

Laureata in legge, inizia la sua carriera come avvocato, ma ben presto si avvicina al mondo della politica, seguendo probabilmente una vocazione ereditata dal padre, iscritto al Partito Democratico.

È durante un pranzo di lavoro che conosce Barack Obama; si sposano nel 1992 e hanno due figlie, Malia Ann e Natasha.

Con l’ascesa del consorte alla politica nazionale, le luci della ribalta si accendono anche su Michelle, tanto da rientrare nel settembre del 2007 tra i primi 50 nella “The Harvad 100”, una lista dei più influenti ex studenti di Harvard.

Durante tutta la campagna presidenziale, Michelle si è sempre attivata per sostenere il marito: ha stretto molte mani, frequentato i salotti, tenuto discorsi importanti e organizzato raccolte fondi; solo due giorni a settimana, però, così da potersi dedicare anche al proprio ruolo di madre, senza tralasciare l’impegno nel sociale.

Eletto Obama, i media si scatenano e Michelle diviene una delle oratrici più apprezzate dall’opinione pubblica mondiale, perché capace di parlare al cuore della gente con educazione e intelligenza.

Dopo aver gestito due mandati, il quarantaquattresimo Presidente degli Stati Uniti sembra essere stato uno dei più amati della storia del Paese, e con lui anche Michelle: la loro famiglia è di fatto la materializzazione del “sogno americano”.

Sono passati otto anni da allora e il 20 gennaio 2017, insediatosi alla Casa Bianca il nuovo Presidente Donald Trump, gli Obama hanno dovuto traslocare.

In questa circostanza, sono proprio le parole di Michelle a lasciare il segno più profondo: «La nostra grande diversità, le nostre diversità di fedi, colori e convinzioni non sono una minaccia a ciò che siamo: sono ciò che ci rende ciò che siamo».

Un’idea, la sua, in netta contrapposizione con i primi provvedimenti presi da Trump nei primi giorni del suo mandato, ma che sicuramente un po’ di speranza nel popolo statunitense è riuscita a infonderla.

Laura Spataro

Marzo 2017

Articoli Correlati

Come uscire dal carbone secondo uno studio del WWF
Lo studio commissionato dall’associazione ambientalista dimostra che entro il 2050 l’...
Chagall
A Milano le mostre multimediali dedicate a Klimt e Chagall Alla fine degli anni Venti, l’...
Bergamo smart land
La Provincia verso un territorio sempre più efficiente che punta alla mobilità...
Il valore di essere in tanti copertina
La metafora di un mondo che, se unito, può contare. È questo il valore che mi piace...