feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Meglio isolare casa che puntare solo sugli impianti

Meglio isolare casa che puntare solo sugli impianti

Un buon isolamento termico evita dispersioni di calore. Parola a Sistema Tetto, azienda specializzata sul tema

È meglio isolare la casa o usare impianti sovradimensionati? È una domanda che viene posta continuamente agli addetti del settore e l’impressione è che sul tema ci sia un po’ di confusione. Al netto delle pubblicità roboanti e della voglia di sentirsi “green” con scelte spesso poco calibrate sulle reali necessità, la questione dell’efficientamento termico è tutt’altro che marginale..

Impianti complessi o buon isolamento

«Il consiglio principale è quello di affidarvi a un tecnico (preferibilmente un certificatore energetico) per valutare al meglio le soluzioni dopo un apposito sopralluogo. Qualsiasi consiglio giunto senza un sopralluogo sarà generico e non accurato, quindi inutile – spiega Urbano Panozzo, titolare di Sistema Tetto, impresa specializzata nell’isolamento dei tetti -. Per quanto riguarda il comfort e un (reale) risparmio energetico, è importante che vi sia un equilibrio tra isolamento termico e impianti: anzi, se provvediamo al primo, non si avrà bisogno di impiantistica complessa e costosa, perché sarà in grado di disperdere pochissimo calore e di farne entrare ancora meno, a seconda delle stagioni. Puntare invece tutto sugli impianti costringe al contrario a sovradimensionarli per sopperire alle carenze di un involucro spesso insufficiente». 

Per trovare un equilibrio tra questi fattori all’interno di un edificio esistente, occorre fare in modo che caldaie, climatizzatori e pompe di calore non debbano essere sovradimensionati. Con un buon isolamento termico la casa mantiene una temperatura costante e gradevole per tutto l’anno, sfidando il mutevole clima delle stagioni, e soprattutto lo fa in modo naturale: a parità di spessore (10 centimetri di isolamento contro 10 centimetri di muratura), l’isolamento isola di più da 20 a 40 volte, rispetto a una normale muratura. «Più spessore creiamo, maggiore isolamento abbiamo, unito alla valutazione di performance che ogni prodotto dichiara nella sua scheda tecnica. Ci sono poi altri valori che possono assumere grande importanza, come ad esempio la traspirabilità nei confronti del vapore». 

E per quanto concerne i costi? «Isolare l’abitazione è un lavoro che dura tutta la vita, a differenza di un impianto che ha una vita media di 15 anni, costi annuali di verifica e controllo e costi di manutenzione tutt’altro che marginali. A tutto ciò va poi ovviamente aggiunto il costo della sostituzione dell’impianto» aggiunge Panozzo. 

Una grande occasione

«Oggi abbiamo una grande occasione per migliorare la nostra casa con i bonus fiscali in essere - commenta ancora il titolare di Sistema Tetto -: possiamo scegliere fra varie opportunità dal punto di vista energetico, come il recupero fiscale del 65% del totale spesa, comprensiva di Iva e spese tecniche, di facile applicazione e che riguarda anche singole parti dell’edificio, oppure il recupero fiscale del 110 %, anche se molto più complesso nel suo iter». 

Sistema Tetto fornisce e posa isolamenti di qualità per sottotetti e intercapedini esistenti di muri perimetrali: lavori che riescono a migliorare sensibilmente il comfort in case esistente, migliorando anche in alcuni casi il fabbricato di due classi energetiche.

 

Sistema Tetto Panozzo Urbano e c. Sas

Via Trento, 137 - 25018 Montichiari (Bs) - Cell. 339 1166300 

urbano.panozzo@gmail.com - www.isolamentipanozzo.it

Settembre 2020

Articoli Correlati

Approvato dall'Amministrazione il progetto di finanziamento da inviare a Roma...
Surgelati
Lo spreco alimentare è un problema annoso che da sempre coinvolge, purtroppo, tantissime...
Saperi in transizione
C’è tempo fino al 13 dicembre per iscriversi a Saperi in Transizione, l’unico corso del...
Cosmetica Green: un mercato da 50mld di euro l’anno
Millennial e Gen Z i consumatori più attivi Al giorno d’oggi si presta sempre più...