feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Lago di Garda: 12 tappe lungo i Santuari

Anche il lago incastonato nel cuore di tre regioni ha il suo cammino che permette di scoprirne tutte le bellezze in modo slow

Prendi il lago più grande e famoso d’Italia, aggiungici un percorso per andare alla scoperta delle sue bellezze tra natura, storia e arte e mettici anche che il 2019 è l’anno del turismo lento: il risultato non può che essere una cammino in 12 tappe davvero affascinante, che rappresenta la meta ideale per camminatori e amanti del trekking. Devono essere stati questi i presupposti dai quale sono partite Loredana Francinelli e Giovanna Coco, le due pellegrine originarie di Salò che - ispirate dal grande fascino del Cammino di Santiago - qualche anno fa hanno concepito la prima guida per un percorso sul Lago di Garda dal titolo “A piedi per i Santuari del Lago di Garda”.

Un’idea particolare, la loro, perché non si sono limitate a collegare i sentieri lungo i 165 chilometri intorno allo specchio d’acqua dolce incastonato tra Lombardia, Veneto e Trentino, ma hanno esplorato le montagne attorno al Garda alla ricerca di un percorso che potesse affascinare i pellegrini.

Come ci spiegano le due autrici: «L'idea di creare un percorso intorno al lago è nata dal desiderio di conoscere quello che mi circondava - rivela Loredana Francinelli, la principale ideatrice della guida -. Avevo bisogno però di una motivazione particolare e l’ho trovata imbattendomi in una cartina che mostrava i vari santuari che si trovano nella zona del Garda, così ho iniziato a studiare un percorso percorribile. Nel giugno del 2014 sono partita in solitaria da casa mia e ho provato in prima persona il giro cercando accoglienza, dove possibile, nei santuari proprio come vuole la tradizione dei pellegrini».

Le caratteristiche del cammino

Il percorso è lungo 242 chilometri e si divide in 12 tappe, delle quali solo alcune costeggiano direttamente le sponde del Lago di Garda.

Le altre si snodano invece tra uliveti, vigneti e boschi e conducono ai santuari, ai monasteri e agli eremi che popolano l’entroterra: «Il cammino è concepito per rivelare il territorio in tutta le sua essenza e non solo le zone più conosciute - dice Giovanna Coco -. Uno dei santuari più suggestivi, ad esempio, è quello della Madonna della Corona, situato nell’entroterra veronese alle ultimi propaggini del Monte Baldo». E prosegue: «Abbiamo classificato le tappe in facili, di media difficoltà e impegnative.

Queste ultime sono tre e due di esse superano i mille metri di altitudine. La guida è dotata di cartine e grafici che visivamente danno al camminatore informazioni sull'altitudine, sulla lunghezza della tappa, sui saliscendi presenti».

Dopo una prima pubblicazione della loro guida, Loredana e Giovanna non si sono accontentate e anzi hanno continuato ad arricchire il loro lavoro per renderlo sempre più preciso. Una continua ricerca e raccolta di informazioni che di recente è confluita nella pubblicazione della seconda edizione della guida: «Rispetto alla prima edizione abbiamo rivisto alcuni dettagli e il libro è stato ampliato di 16 pagine.

La sesta tappa che va da Arco di Trento a Navene di Malcesine, ad esempio, nella nuova versione prevede due possibili alternative: quella originale che passa per il Parco delle Busatte e una versione che sale lungo il Monte Baldo.

Abbiamo voluto fare questa precisazione per dare la possibilità ai pellegrini di evitare una delle gallerie della Gardesana Orientale a favore di un percorso più difficile, ma immerso in boschi di grande bellezza. Mentre nella settima tappa abbiamo deciso di modificare l’inizio e la fine del percorso». A chi si mette in cammino, Loredana e Giovanna danno anche un piccolo consiglio: meglio prenotare con quale giorno di anticipo le strutture, perché il Lago di Garda è sempre una meta piuttosto gettonata.

Gianluca Zanardi

Settembre 2019

Articoli Correlati

Economia Solidale e Sociale: verso una legge regionale
Nei mesi scorsi è stato avviato il percorso per una proposta di legge regionale sull’...
Screpolature da freddo. Un fastidio che si può prevenire
Tagli e secchezza sulle labbra e sulle mani possono rendere l'inverno difficile da...
“Anthropoceano”, il primo murales mangia-smog di Milano
L'opera d'arte è realizzata con pittura Airlite capace di assorbire anidride carbonica e...
Australia in fiamme. La “Chernobyl della crisi climatica”
La terra dei canguri messa in ginocchio dai roghi. Ma la politica continua a scegliere il...