feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

L’acqua a “km zero” come soluzione per il fabbisogno idrico estivo

Uniacque sfata i falsi miti: «L’acqua del rubinetto è una scelta sicura e sostenibile».

L’estate 2020, oltre al consueto impennarsi delle temperature e la conseguente voglia di rinfrescarsi, si è caratterizzato anche per un cambio di abitudini. Molti lavoratori, infatti, si sono convertiti in smart-workers che lavorano perlopiù presso la propria abitazione. Un nuovo modo di vivere gli ambienti domestici che porta inevitabilmente ad una crescita dell’utilizzo di acqua: nel trimestre aprile-giugno si è registrato un forte incremento dei consumi, sia per esigenze legate all’igiene che alla salute. La soluzione? Usare “acqua a km zero”, ovvero direttamente dal rubinetto. Potabile, quindi adatta per il consumo umano. Sostenibile, sia economicamente che per il minor impatto ambientale generato. E sicura, visti i numerosi controlli dei parametri chimici e microbiologici a cui viene sottoposta per renderla conforme a quanto previsto dalle normative e dagli standard di qualità indicati dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA).

La spiegazione di Uniacque

A spiegare perché l’acqua più vicina, quella che arriva direttamente a casa, è la miglior alleata per combattere la calura, è Uniacque, società totalmente pubblica costituita dai sindaci bergamaschi, che gestisce 7.024 km di acquedotto, 4.284 km di fognatura e 65 impianti di depurazione e diventata di recente gestore anche del servizio idrico nei 28 comuni dell’Isola Bergamasca e della Valle San Martino. L’acqua consegnata alle utenze allacciate arriva da fonti sotterranee quali pozzi o sorgenti. Una volta prelevata, vengono attuate tutte le misure per assicurarne la conformità rispetto al D.lgs. 31/2001 e smi: i trattamenti di potabilizzazione e disinfezione consentono di mantenere elevati standard qualitativi sia dal punto di vista chimico che microbiologico. Inoltre, visto che in estate il fabbisogno idrico è maggiore, vengono costantemente monitorati i livelli nei bacini per prevenire possibili disservizi. Ritenere l’acqua del rubinetto poco sicura è, quindi, un mito da sfatare. Le caratteristiche chimiche (durezza, acidità o alcalinità, presenza di sali minerali) e organolettiche (odore e sapore) dell’acqua possono, infatti, anche cambiare nel tempo, ma gli standard di sicurezza sono garantiti dai rigorosi controlli operati dal gestore e dalle Aziende di Tutela della Salute (ATS) sulle acque lungo tutto il loro percorso, dall'origine al rubinetto.

Una soluzione che impatta anche sul pianeta

Ogni anno nel mondo vengono imbottigliati 80 miliardi di litri d’acqua in contenitori di plastica e l’Italia è passata da 5 miliardi di bottiglie di acqua consumate nel 2009 a 10 miliardi nel 2019, diventando a tutti gli effetti i campioni mondiali di consumo di acque minerali in bottiglia, la maggior parte in plastica (terzi dopo Messico e Thailandia), utilizzare l’acqua del rubinetto può essere fondamentale anche per ridurre l’impatto sul pianeta. Con un conseguente vantaggio anche sul portafogli. Basti pensare che 1 euro equivale a una fornitura di circa 2.000 litri di acqua “km zero”, mentre molto spesso questo è il costo di una bottiglia da mezzo litro o 0,75 ml, a seconda del luogo di acquisto. 

«L’acqua del rubinetto è acqua circolante: viene prelevata dai pozzi e, in pochi minuti, arriva a casa, fresca di giornata. È un’acqua microbiologicamente sicura, controllata dal nostro laboratorio con analisi quotidiane presso i centri di produzione e in rete. - sottolinea Paolo Franco, Presidente di Uniacque - L’unica cosa che viene demandata all’utente finale è la manutenzione degli impianti privati. In questo modo, possiamo garantire un’elevata qualità e un’adeguata quantità della risorsa idrica, nel pieno rispetto della sicurezza umana e ambientale, rendendo a tutti gli effetti l’acqua del rubinetto di Uniacque una scelta sicura e responsabile»

LO SAPEVI CHE…

  1. Il centro della sete si trova nel cervello e ci fa provare questa sensazione quando siamo disidratati. Il desiderio di sete viene avvertito dal nostro corpo quando l’organismo ha perso all’incirca l’1% del bilancio idrico;
  2. Le donne dovrebbero generalmente bere circa 2 litri di acqua al giorno, mentre gli uomini dovrebbero puntare a 2,5 litri o anche 3. Per determinare la quantità esatta che bisognerebbe bere in base al proprio peso corporeo si può far riferimento alla formula: 30 ml x kg di peso corporeo = ml al giorno;
  3. Bevuto al posto di un caffè, un bicchiere di acqua frizzante può aiutare a contrastare il senso di stanchezza e affaticamento.

CONOSCI DAVVERO L’ACQUA?

  1. Originariamente l’acqua del mare era dolce come quella dei fiumi. I mari si sono formati circa quattro miliardi di anni fa quando la Terra ha iniziato a raffreddarsi e l’acqua delle frequenti piogge è andata a depositarsi nelle depressioni della crosta terrestre, formando così i primi mari. L’acqua dolce piovana accumulata sul terreno, nel frattempo, si è arricchita di sali minerali prelevati dalla terra e li ha riversati negli oceani in formazione;
  2. L’Italia è uno dei Paesi con la qualità dell’acqua potabile tra le migliori in Europa;
  3. L’acqua del rubinetto è un prodotto a km 0. Passano pochi minuti dal momento in cui viene prelevata dai pozzi a quando esce dal rubinetto di casa nostra, è fresca di giornata.

 

Luglio 2020

Articoli Correlati

Approvato dall'Amministrazione il progetto di finanziamento da inviare a Roma...
Surgelati
Lo spreco alimentare è un problema annoso che da sempre coinvolge, purtroppo, tantissime...
Saperi in transizione
C’è tempo fino al 13 dicembre per iscriversi a Saperi in Transizione, l’unico corso del...
Cosmetica Green: un mercato da 50mld di euro l’anno
Millennial e Gen Z i consumatori più attivi Al giorno d’oggi si presta sempre più...