feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Il bike sharing conquista la città. Mobike: 30 mila corse in 8 mesi

Il bike sharing conquista la città. Mobike: 30 mila corse in 8 mesi

I dati forniti sull’utilizzo in città indicano un trend positivo. A breve il lancio della flotta di bici a pedalata assistita

Mobike, il servizio di bike sharing free floating (ovvero che non ha necessità di postazioni fisse) arrivato a Bergamo qualche anno fa, ha reso noti i risultati raggiunti nel corso del 2019 in città: da maggio a dicembre dell’anno appena concluso le corse totali degli utenti che hanno deciso di spostarsi utilizzando il servizio sono aumentate, raggiungendo la cifra di 30 mila corse con risparmio stimato sulle emissioni di CO2 pari a oltre 30 mila chili.

Risultati senza dubbio positivi, dovuti soprattutto all'agevole fruibilità del servizio: attraverso l’apposita app gratuita, infatti, gli utenti iscritti possono visualizzare la posizione delle biciclette disponibili e sbloccarle attraverso la scansione del codice QR. Alla facilità di utilizzo si somma poi la possibilità di poter parcheggiare ovunque la bicicletta Mobike, nel rispetto del codice della strada e dello spazio pubblico senza essere in alcun modo vincolati alle postazioni fisse, fattore che ha portato sempre più bergamaschi a scegliere il bike sharing per i propri spostamenti.

È stato proprio il grande successo ottenuto in questi anni in città che porterà all’introduzione anche a Bergamo della flotta di Mobike eBike a pedalata assistita: un servizio già attivato qualche mese fa in anteprima europea a Bologna, e che a Bergamo aiuterà ad ampliare le aree di servizio di Mobike, toccando anche zone più “difficili” come Città Alta.

«La promozione della mobilità sostenibile - ha commentato l'Assessore alla mobilità e all’ambiente Stefano Zenoni - passa attraverso l'offerta sia pubblica che privata di diverse possibilità per poter usare il mezzo a minor impatto per ogni tipo spostamento, secondo il concetto della multimodalità. Trasporto pubblico locale, servizi di sharing (auto, bici, ora i monopattini) e parcheggi di interscambio, tutto concorre a questo obiettivo. Il bike sharing ha indubbiamente un ruolo importante in questo disegno». 

Gennaio 2020

Articoli Correlati

Rocca di Lonato
Il Complesso monumentale della Fondazione Ugo Da Como riapre al pubblico, un luogo ideale...
BMW 225xe Active Tourer
Il sito automobile.it ha stilato la classifica delle cinque auto elettriche e ibride con...
“Segni e Sogni d’Alpe”
Dopo l’interruzione a causa dell’emergenza sanitaria, la mostra fotografica di Marco...
erba
Per assecondare il desiderio dei cittadini di godere sempre più delle aree verdi a loro...