feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Frida e compagni in mostra a Bologna

Frida e compagni in mostra a Bologna

Un percorso attraverso l’arte messicana del XX secolo

Se capitate a Bologna non potete non andarci: inaugurata il 19 novembre, resterà fino al 26 marzo a Palazzo Albergati una ricca mostra dedicata all’arte messicana del XX secolo.

Un corteo di grandi artisti, da María Izquierdo a David Alfaro Siqueiros, da Rufino Tamayo a Ángel Zárraga, capitanati ovviamente da Diego Rivera e Frida Kahlo, i due nomi più celebri dello scenario sudamericano dell’epoca.

Le opere esposte fanno parte della prestigiosa Collezione Gelman, nata nel 1941, quando Jacques Gelman e consorte, emigrati entrambi dall’Est Europa, si conobbero e sposarono a Città del Messico. Il primo pezzo della Collezione fu un ritratto della signora Gelman che Jacques commissionò a Diego Rivera, il quale, insieme a Frida, divenne loro grande amico.

La mostra si rivela non solo un percorso alla scoperta della “Rinascita messicana” e del suo sottosuolo artistico, culturale e politico, ma anche di una delle storie d’amore più intense e tormentate che la storia dell’ultimo secolo abbia conosciuto.

Rivera il grande maestro, Frida la giovane apprendista: un cliché antico quanto il mondo. Uomo affascinante e artista già affermato lui, estroversa e disinibita pittrice amatoriale lei; i due si conoscono grazie alla determinazione della Kahlo, che da sempre, ancora prima di conoscerlo, sapeva che sarebbero stati insieme.

E si rivelò vero, anche se fu tutt’altro che un idillio. Frida finì col consumarsi per la sofferenza: la poliomielite da bambina, l’incidente in tram da ragazza, i tradimenti di Diego e gli aborti in età adulta.

Il pennello fu la sua unica salvezza e lo si percepisce da ogni quadro firmato da Frida Kahlo esposto a Palazzo Albergati: da ogni sorriso mancato, dagli sguardi neri e vacui, dalle ferite aperte e insanguinate. Non solo dipinti; parlano di Frida anche fotografie, disegni, pagine di diario e abiti, perfino la ricostruzione della stanza in cui morì.

Tutto il pian terreno, invece, è dedicato a Diego Rivera e agli altri compagni artisti, in particolare alle produzioni di tema politico.

Laura Spataro

Foto: Frida Kahlo, L’amoroso abbraccio (Particolare)

Marzo 2017

Articoli Correlati

Monastero di Astino
Bergamo Festival Fare la Pace ha annunciato le date dell’edizione di quest’anno che per...
Rocca di Lonato
Il Complesso monumentale della Fondazione Ugo Da Como riapre al pubblico, un luogo ideale...
BMW 225xe Active Tourer
Il sito automobile.it ha stilato la classifica delle cinque auto elettriche e ibride con...
“Segni e Sogni d’Alpe”
Dopo l’interruzione a causa dell’emergenza sanitaria, la mostra fotografica di Marco...