feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Entro le vecchie mura un’oasi di sostenibilità e gusto

Biririnoteca

La Birrinoteca di Pizzighettone (Cr) ha fatto dell'etica la sua bandiera

Un'attività basata sulla sostenibilità a tutto tondo, contro le logiche di mercato della grande distribuzione, dei grandi marchi e delle multinazionali. Così Mauro Malusardi presenta il suo locale, la Birrinoteca di Pizzighettone (CR), che ha fatto della sostenibilità e dell'etica produttiva il suo marchio distintivo.

Perché una cosa è certa: per Mauro, ogni singola birra si porta dietro ideali ben delineati, su cui non è disposto a scendere a compromessi. Situata in via Garibaldi 48, la Birrinoteca offre infatti agli avventori esclusivamente prodotti provenienti da filiera corta, agricoltura biologica e cooperative sociali: una scelta di campo ben precisa per ragionare a fondo sulle finalità e i risvolti delle azioni quotidiane. Anche di quelle di svago: prendersi una birra, insomma, ma che sia etica fino in fondo.

Un impegno etico a tutto tondo

Ogni prodotto distribuito nella Birrinoteca, infatti, è naturale, proveniente da filiere di agricoltura biologica o promosso dal commercio equosolidale. Mauro è in contatto con cooperative sociali che impiegano persone svantaggiate in laboratori artigianali. I vini e le birre vengono prodotti in cantine e birrifici che si avvalgono di impianti fotovoltaici o eolici, mentre il caffè viene distribuito e in parte prodotto da piccole cooperative sociali che importano, lavorano e vendono solo caffè equo e solidale. I cibi - salumi, formaggi, pane, pizze e focacce, ma anche snack e bibite - sono anch'essi di produzione locale o si appoggiano al commercio equo e solidale; inoltre, utilizzano materie prime genuine molto controllate, nonché processi produttivi naturali (ad esempio, i prodotti da forno sono preparati con lievito madre).

Ma l'impegno della Birrinoteca non finisce qui: anche gli arredi del piccolo bar sono realizzati con legno recuperato e rilavorato per ottenere il prodotto finito. Gli sgabelli, per esempio, provengono (sempre attraverso il commercio equo e solidale) da una cooperativa femminile indonesiana.

Per quanto riguarda le apparecchiature, Mauro si appoggia, come gestore internet, a una piccola azienda di Cremona e sta cercando un gestore locale che utilizzi energie rinnovabili anche per quanto concerne la fornitura di energia elettrica. Inoltre, il conto corrente dell'attività è aperto presso Banca Etica. Insomma, un impegno veramente a tutto tondo. E per chi volesse approfondire o gustare un birrino tutto etico, le porte sono aperte. La Birrinoteca apre dal martedì alla domenica fra le 17:30 e l’1:00, mentre venerdì e sabato resta aperta fino alle 2.

Andrea Emilio Orsi

Ottobre 2018

Articoli Correlati

Una legge regionale sull'Economia Solidale e Sociale per riconoscere il valore di questo settore
Richiesta l’assistenza al servizio legislativo di Regione Lombardia. Aperto il confronto...
Blackfriars Bridge - Londra
Dalla Danimarca all'Italia, da Londra all'Australia, viaggio tra i ponti e le...
Prosegue per la stagione termica 2018/2019 l’iniziativa di sensibilizzazione del Comune...
All’Università Cattolica esperti a confronto sul tema “La povertà, lo sviluppo sostenibile, le tecnologie. Formazione, giovani, adattamento climatico”
All’Università Cattolica esperti a confronto sul tema “La povertà, lo sviluppo...