feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Ecobonus prorogati fino al 2015

Ecobonus

Gli incentivi fiscali per ristrutturazioni e riqualificazione energetica degli immobili resteranno del 50% e 65%

La Legge di Stabilità 2015 contiene, tra le varie disposizioni, anche alcune novità riguardanti le agevolazioni fiscali relative all’edilizia, conosciute come Ecobonus. L’articolo 8 della Legge proroga la possibilità di usufruire delle detrazioni sulle spese effettuate in ambito edilizio fino al 31 dicembre 2015. La proroga è valida sia per la detrazione del 50% sul costo di ristrutturazione di un immobile, a condizione che le spese siano state sostenute a partire dal 26 giugno 2012, sia per la detrazione che ammonta al 65% e riguarda gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici (il fotovoltaico rientra nella ristrutturazione), per spese effettuate a partire dal 6 giugno 2013.

Entrambe le detrazioni sono applicabili a interventi che non superino i 96 mila euro di costo. Senza l’approvazione della proroga con la legge di stabilità, l’ammontare delle due agevolazioni sarebbe diminuito fino ad arrivare al 36% nel 2016. Le agevolazioni risulteranno in una detrazione Irpef in rate annuali nell’arco di dieci anni.

La legge prevede la detrazione del 50% anche per chi acquista mobili e grandi elettrodomestici. Se questi verranno acquistati per edifici per i quali è stata richiesta la detrazione del 50% o del 65%, si potrà usufruire di un’agevolazione fiscale del 50%, fino a un limite di 10 mila euro di spesa. Per quanto riguarda i condomini, l’acquisto di mobili ed elettrodomestici sarà agevolato solo in caso si tratti di arredamento delle parti comuni, come la guardiola e l’appartamento del portinaio. L’ecobonus ha già avuto effetti positivi sul mercato edilizio, come dimostrano l’aumento degli investimenti da parte dei privati, la creazione di nuovi posti di lavoro e soprattutto la crescita del numero di interventi mirati al risparmio energetico. Questi sono i motivi che hanno spinto a proporre le proroghe recentemente approvate.

L’ulteriore novità della Legge di Stabilità riguarda i servizi internet. In ogni edificio costruito nel 2015, con domanda di costruzione presentata a partire dal primo luglio, sarà obbligatoria l’installazione dell’infrastruttura fisica multiservizio passiva. Gli edifici verranno dunque equipaggiati del sistema in fibra ottica che permetterà, una volta effettuato l’allaccio a una delle reti del territorio, la connessione a banda ultra larga. La novità consiste soprattutto nel fatto che i tecnici potranno allacciare il terminale della rete direttamente all’infrastruttura dell’edificio. L’obbligo vale anche per gli edifici che, a partire dal 10 luglio 2015, dovranno subire ristrutturazioni così intensive da richiedere il permesso di costruzione.

Chiara Migliori

 
 
Gennaio 2015

Articoli Correlati

Sette anni in sette giorni
Novembre 2017, bene. Ci guardiamo indietro e… sette anni, sono passati già sette anni e...
Abbigliamento sostenibile. Vestirsi per filo e per sogno
A Paladina la fiera del tessile biologico, ecologico e solidale Domenica 22 ottobre...
Autunno, tempo di castagne
Sul lago di Como un “maxi castagneto” da 220 ettari L’autunno è arrivato e insieme all’...
Il grande sentiero
Montagna, viaggi, avventure e ambiente nella rassegna cinematografica di Lab80 Nona...