feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Dalla Franciacorta il fotovoltaico del futuro

Dalla Franciacorta il fotovoltaico del futuro

Innovazione e ambiente i capisaldi di Viride Energy. Azienda bresciana attiva nel mondo delle energie rinnovabili

Innovare, valorizzare il contatto con il territorio e guardare al futuro in ottica green, con un occhio di riguardo ai settori della mobilità e dell'energia: sono questi i capisaldi di Viride Energy srl, vivace azienda bresciana situata a Erbusco, nel cuore della Franciacorta, che ha fatto dell'attenzione all'ambiente il suo marchio di fabbrica e del connubio tra sostenibilità ambientale ed efficienza energetica la sua colonna portante.

E mentre in questi mesi le proteste studentesche in nome del clima accendono i riflettori globali sull'urgenza di attuare scelte importanti anche in materia di consumi energetici, si fa strada la necessità di essere promotori di un nuovo modello di business: innovativo, etico, attento non soltanto al profitto ma anche al dato umano, ambientale, sociale. Oggi Viride Energy si occupa principalmente di consulenza in materia di efficientamento energetico, impianti fotovoltaici, mobilità sostenibile. 

Avvicinarsi alla gente lavorare nel verde

«L'azienda è stata fondata nel 2016 da tre soci – racconta Cristian Poma, titolare di Viride Energy e già attivo nel campo delle energie rinnovabili dal 2005 come direttore commerciale di realtà a livello nazionale –. All'inizio era orientata soprattutto alla progettazione all'istallazione di impianti fotovoltaici. Dopo tre anni di attività ci siamo però resi conto che Viride doveva essere più commerciale, avvicinarsi alla gente: oggi ci occupiamo di ricerca clienti, progettazione, installazione e post vendita, spaziando dall'ambito home, al business e corporate».

Oggi Viride è in forte crescita: ai quattro dipendenti e agli oltre venti consulenti energetici, si aggiungeranno presto nuovi collaboratori. La scelta di spostarsi da una zona industriale di Lallio (BG) al verde della Franciacorta (BS) non è casuale, anzi sposa appieno la filosofia dell'azienda: «la Franciacorta non è soltanto una zona altamente strategica per il Nord Italia – spiega Poma – ma è anche un posto dove sentirsi a casa: abbiamo voluto creare un'azienda in cui sia chi lavora, sia chi viene in veste di cliente possa sentirsi bene accolto. E poi, guardate: lavoriamo in mezzo ai prati!».

Poma è oggi unico titolare di una realtà che è stata in grado di capitalizzare anni di esperienza in un settore in costante mutamento come quello della green energy, un settore votato al futuro ma talvolta incapace di scalfire vecchie logiche abitudinarie; si propone come interlocutore e partner privilegiato per privati e aziende – piccole, medio-piccole e grandi – che vogliano investire in questo ambito. «Conviene a tutti, oggi più che mai - sottolinea Poma -. A fronte di un investimento iniziale, sul lungo periodo chi sarà in grado di prodursi da solo la propria energia sarà necessariamente premiato e in vantaggio sugli altri. Il mondo sta cambiando e i dati mondiali dimostrano che le aziende che hanno investito in efficienza e risparmio energetico hanno i bilanci in positivo l'anno successivo: tecnologie più efficienti, riduzione degli sprechi, ammodernamento degli impianti pagano».

Non è un caso, quindi, che anche Viride si stia muovendo sempre di più verso il settore business & corporate rispetto al residenziale, e tra i clienti principali vanta primarie realtà del fast food, della grande distribuzione e del mondo degli hotel. «Ci consideriamo un po' i “medici dell'energia” - Poma sorride - prima effettuiamo specifici check-up e pre-audit energetici e poi avanziamo proposte tecniche, economiche e finanziarie cercando di trovare la soluzione migliore per il cliente, sia dal punto di vista tecnico che da quello finanziario» con soluzioni tramite "noleggio operativo" a costo zero per il cliente. Oltre a ciò, l'azienda si occupa anche di smaltimento amianto, impianti di storage, pompe di calore, impianti di illuminazione a led, mobilità elettrica e di quello che viene definito “anatocismo energetico”, cioè la verifica delle voci in bolletta e delle formule contrattuali in materia di energia. 

Mobilità sostenibile

Tra gli ambiti che più stanno a cuore all'azienda, c'è poi quello relativo alla mobilità sostenibile: un mondo che, oltre a far bene all'ambiente, può anche avere importanti ricadute sul territorio in termini di turismo. «Da due anni e mezzo proponiamo soluzioni di ricarica per quattro e due ruote: siamo la seconda realtà con il maggior numero di colonnine installate in Italia e abbiamo creato una partership esclusiva con un'app europea, EV Way, di supporto a chi viaggia green – spiega ancora Poma -.

L'applicazione non indica solo dove sono posizionate le colonnine di ricarica: consente anche di agire in co-marketing territoriale con enti locali, alberghi, bed and breakfast, supermercati, ecc. Oggi la colonnina, se installata nel modo giusto e con la giusta promozione, crea un'ottima sinergia con il mondo del turismo, favorisce un nuovo modo di viaggiare pulito». Come sta facendo l'Isola d'Elba con un progetto che vede proprio Viride Energy tra i partner: entro il 2025 l'isola toscana sarà completamente auto-free.

Aprile 2019

Articoli Correlati

Economia Solidale e Sociale: verso una legge regionale
Nei mesi scorsi è stato avviato il percorso per una proposta di legge regionale sull’...
Screpolature da freddo. Un fastidio che si può prevenire
Tagli e secchezza sulle labbra e sulle mani possono rendere l'inverno difficile da...
“Anthropoceano”, il primo murales mangia-smog di Milano
L'opera d'arte è realizzata con pittura Airlite capace di assorbire anidride carbonica e...
Australia in fiamme. La “Chernobyl della crisi climatica”
La terra dei canguri messa in ginocchio dai roghi. Ma la politica continua a scegliere il...