feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Da Pianura Futura al turismo tra castelli, rievocazioni storiche e filmiche

Castello di Pagazzano

La pianura bergamasca e lombarda è uno scrigno di tesori arte e cultura, tutto da scoprire e valorizzare

Si è concluso il 23 febbraio 2018 a Caravaggio il ciclo di conferenze denominato “Pianura Futura”, voluto dalla Provincia di Bergamo per spingere gli amministratori a interrogarsi sulle potenzialità offerte dalla pianura bergamasca e sulle possibilità di rilancio di settori strategici come infrastrutture, agricoltura, ambiente e turismo.

Proprio quest’ultima tematica, unitamente a cultura e formazione, ha alimentato i dibattiti degli ospiti intervenuti presso l’Auditorium “Merisi” della Bcc di Caravaggio, Adda e Cremasco. Ora che i confronti sono giunti al termine non resta che mettere in pratica, il più possibile, quanto si è auspicato nelle settimane precedenti, su invito dello stesso presidente della Provincia Matteo Rossi, che punta alla creazione di un’agenda strategica di valorizzazione del territorio.

L’unione fa la forza

Da parte di tutti i relatori intervenuti è emersa la necessità e la volontà di fare rete per poter spendere la carta vincente del turismo e della cultura nella pianura bergamasca. Questo concetto è emerso, in particolare, nel discorso di Raffaele Moriggi – presidente di “Pianura da Scoprire” – che, pur riconoscendo la difficoltà di mettersi in rete, ha spiegato come sia essenziale, da parte di tutti, unire le forze per poter mettere in pratica progetti ambiziosi, come un parco ciclo-turistico per la promozione della media pianura lombarda con 14 percorsi per un totale di circa 750 chilometri, o l’istituzione di un partenariato pubblico privato per garantire un’offerta turistica sempre innovativa.

Lo stesso principio di fondo dell’unione che fa la forza è stato espresso da Giuseppe Venuti di “Visit Bergamo”, con particolare riferimento ai bellissimi - ma ancora poco conosciuti - castelli della pianura. All’incontro sono intervenuti anche il conte Orazio Zanardi Landi, il quale ha raccontato la propria esperienza da coordinatore della rete dei castelli del Ducato di Parma, Piacenza e Pontremoli (a cui Bergamo guarda con vivo interesse), e la professoressa Emanuela Casti dell’Università di Bergamo, la quale ha evidenziato come i punti focali di maggior attrazione e da rilanciare siano l’aeroporto di Orio al Serio e la stessa Università: il primo si classifica terzo scalo in Italia con ben 11 milioni di visitatori annui che vi transitano, mentre sono oggi oltre 17.000 gli studenti che si iscrivono alle facoltà del capoluogo orobico (tutti i dati forniti sono da riferirsi al 2017).

Dai castelli al film

L’occasione è stata colta anche per promuovere due importanti appuntamenti turistici e culturali della Bassa: le “Giornate dei Castelli, Palazzi e Borghi medievali” e il ciclo di appuntamenti per celebrare i 40 anni trascorsi dalla vittoria della Palma d’Oro a Cannes, attribuita a Ermanno Olmi per “L’albero degli zoccoli”. Quest’anno l’iniziativa dei “Castelli aperti”, ovvero l’apertura al pubblico degli edifici storici che rientrano nel circuito per visite individuali o guidate, è stata inaugurata l’11 marzo con un evento speciale.

Presso uno dei castelli della rete, quello di Pagazzano, si incontrano e dialogano in ologramma due grandi condottieri del passato, Bernabò Visconti e Bartolomeo Colleoni, che hanno segnato – ciascuno a modo suo – le sorti della terra bergamasca e non solo. La novità è stata battezzata con il nome di “dialogo impossibile”, perché in passato i due condottieri non avrebbero mai potuto incontrarsi, essendo vissuti in momenti storici differenti, anche se non molto distanti. E alla fine, una sorpresa attende i visitatori: la possibilità di farsi un selfie “anacronistico” con i due personaggi. Nel riquadro trovate tutte le prossime aperture dei castelli e i convegni che affronteranno vari aspetti del celebre film di Ermanno Olmi.

Lorenzo Dell’Onore

 

 

Le prossime giornate dei “Castelli, palazzi e borghi medievali”

> 25 aprile

> 6 maggio

> 3 giugno

Per ulteriori informazioni:

www.pianuradascoprire.it

www.bassabergamascaorientale.it

 

I convegni tematici dal mondo de “L’albero degli zoccoli”

> RELIGIOSITÀ E VALORI SOCIALI

Sabato 7 aprile ore 17.30

Scuola primaria Margherita Hack in Piazza A. Moro, Cortenuova.

> ARCHITETTURA RURALE

Sabato 21 aprile ore 17.30

Sala Consiliare in Via San Rocco 44, Cividate al Piano.

> ANEDDOTI E RACCONTI DELLA TRADIZIONE

Sabato 19 maggio ore 20.30

Tensostruttura in Piazza Manzoni, Palosco.

> COMUNICAZIONE E DIALETTO BERGAMASCO

Sabato 9 giugno ore 17.30

Sala della Comunità in Piazza Chiesa, Calcinate.

> ALIMENTAZIONE E AGRICOLTURA

Sabato 23 giugno ore 17.30

Auditorium parrocchiale Sant’Andrea in Via Castello 55, Mornico al Serio.

 

Per ulteriori info:

info@bassabergamascorientale.it - Tel. 0363 988336

 

Aprile 2018

Articoli Correlati

Edo Ronchi
Edo Ronchi, ex ministro dell’ambiente, ha presentato a Treviglio (BG) la sua ultima...
Uva fragola
Un chicco di virtù Piccola e succosa, l’uva è il frutto che meglio evoca l’autunno. L’uva...
Burger di lenticchie
Piccolo chicco, grandi proprietà La lenticchia è una delle varietà di legume più antica...
Secondo e ultimo appuntamento con i consigli per stare in forma Il mese scorso vi abbiamo...