feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Da donna a donna. Quando la vacanza diventa rosa

Quando la vacanza diventa rosa

Una guida fa incontrare i sogni delle viaggiatrici con le protagoniste delle realtà locali. In viaggio dal Senegal alla Toscana fino all’Ecuador 

Il viaggio è sempre più donna. Non solo perché cresce il numero delle viaggiatrici in gruppo o in solitaria e perché sono sempre più quelle impegnate nel turismo (anche se, come in ogni settore, sono meno riconosciute), ma perché i viaggi diventano sempre più occasioni di incontro, riflessione, attenzione all’altro e al dettaglio: caratteristiche, queste, che da sempre appartengono al mondo femminile. 

Con questa premessa si apre «La guida delle libere viaggiatrici: 50 mete per donne che amano viaggiare, in Italia e nel mondo», della “musa” del turismo responsabile Manuela Bolchini e della giornalista e nonché ideatrice del sito «Gender Responsible Tourism» Iaia Pedemonte. Un manuale piccolo e agevole, consultabile per ore, giorni, anni. Le proposte sono tantissime: basta sfogliarlo per prendere il volo, per respirare - in una confusione di sensi - colori, profumi e sapori lontani. 

È pura energia quella che arriva dalle comunità che vivono ancora in sintonia con l’ambiente e l’uomo. Ci sono tante mete lontane dai luoghi comuni, dalla terra del Cacao in Ecuador fino a L’Aquila e alle altre zone colpite dal terremoto. Spuntano proposte per ogni piacere e sapere. Cosa si potrebbe fare? Un batik in Senegal, un gioiello in Tanzania, un formaggio slow in Armenia, yoga a Bali e ancora un cammino con i nomadi in Ciad, esercizi di memoria in Bosnia, shopping “pizzo free” in Sicilia, mosaici a Venezia, balli folk in Piemonte. 

Viaggio al femminile... ed etico

Il tutto non è solo bello e divertente, ma è anche buono, perché i viaggi per le donne e con le donne possono avere effetti positivi. «Se queste entrano in un circuito turistico virtuoso - si legge nel libro - ci sono grandi vantaggi per il mondo». Secondo quanto riportano UN Women e l’Agenzia per il turismo delle Nazioni Unite, «il turismo responsabile che occupa equamente le donne può essere la leva su cui puntare per vincere le grandi sfide globali, la povertà e le diseguaglianze». 

Non solo, il settore si è rivelato uno strumento per la loro emancipazione, soprattutto nelle aree dove i diritti rosa faticano a essere approvati. Lo dimostrano queste pagine dove si incontrano centinaia di imprenditrici locali, cooperanti, rappresentanti di comunità ospitali. Sono guide d'arte e di natura, manager, alpiniste, artiste e artigiane, registe e cuoche. La guida è arricchita da citazioni, riferimenti a siti internet e app, consigli e piccoli post, appuntamenti da non perdere.

Fra questi ci sono anche Sguardi Altrove Film Festival (che si tiene a Milano in primavera) e il “nostro” Lo Spirito del Pianeta, il Festival dei popoli indigeni a Chiuduno (BG). Tra un viaggio e l'altro troviamo i racconti di giornaliste, blogger, scrittrici e soprattutto grandi viaggiatrici, come Simona Sacrifizi, travel writer di turismo culturale che si muove tra il New England e l’Europa Orientale, e Elena Dak, antropologa e scrittrice, che regala una riflessione che potremmo e dovremmo fare nostra: «Quando sono in viaggio desidero che la diversità si insinui ovunque intorno a me, che mi circondi provocando una sorta di straniamento senza filtri, che non ci siano sonorità di lingue come la mia ad inquinare il contesto». 

Michela Offredi

Luglio 2019

Articoli Correlati

Settimana Europea della Mobilità. Come spostarsi nell'era post-Covid?
A settembre torna l’appuntamento europeo annuale. Focus sulla mobilità del futuro e sulle...
Mare chiama terra. È tempo di invertire la rotta
Riportare i mari europei a un buono stato ambientale: obiettivo mancato. L'allarme dell'...
Adelante, con juicio
Mobilità in transizione… ecologica. Accelerare le soluzioni, per rallentare i ritmi...
Tavoli e piante in Piazza Vecchia come simbolo di rinascita
Torna anche quest'anno a Bergamo “I Maestri del Paesaggio”. Nell'incontro tra natura e...