feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Come inventarsi un lavoro andando in vacanza

Come inventarsi un lavoro andando in vacanza

Dall’intuizione di due ragazzi californiani. Pura Vida è business etico e in crescita

Quando Griffin Thall e Paul Goodman sono partiti per una vacanza post laurea in Costa Rica, pensavano a una pausa di relax prima dell’impatto con il mondo del lavoro: cinque settimane per ricaricare le batterie e godersi il meritato riposo. Probabilmente non immaginavano che la Costa Rica avrebbe offerto loro l’opportunità di crearsi un lavoro etico e durevole. Il momento decisivo è stata una gita in una piccola comunità nella quale i due ragazzi si sono imbattuti in due artigiani, Jorge e Joaquin, che intrecciavano coloratissimi braccialetti sul ciglio di una strada. Entrambi i ragazzi rimasero affascinati da questi bracciali che, nella loro semplicità, trasmettevano esattamente ciò che la Costa Rica stava rappresentando per loro, cogliendo l’essenza del loro viaggio: “Pura Vida”. Parlando con gli artigiani, Griffin e Paul vennero a conoscenza della condizione di povertà nella quale vivevano e, per aiutarli, decisero di acquistare 400 braccialetti e di portarli con sé negli Stati Uniti.

Tornati a casa, i ragazzi misero i bracciali in una grande vaso e lo portarono a un negozio vicino a casa; nel giro di pochissimo tempo vennero venduti tutti. Griffin e Paul si resero subito conto del potenziale di questi articoli e si rivolsero a Jorge e Joaquin perché ne producessero altri. Dal 2010, anno in cui è partita questa avventura, il giro di affari ha continuato a crescere. Oggi ogni settimana vengono venduti 20.000 pezzi e i due artigiani che lavoravano per strada hanno aperto una vera e propria azienda con una settantina di dipendenti, tutti loro compatrioti.

Oltre che negli Stati Uniti, i braccialetti “Pura Vida” si possono trovare anche in Europa e i punti di distribuzione sono a oggi 2.500. Ciò che è ammirevole è che nonostante ora il business sia su larga scala, i propositi iniziali sono stati mantenuti e l’eticità è rimasta uno dei pilastri di questa attività. Oltre ad avere tolto dalla strada numerose persone che sono state assunte a tempo pieno nella produzione, una parte del ricavato viene destinato a organizzazioni di beneficenza. Alcune linee di braccialetti, infatti, hanno come preciso scopo quello di finanziare associazioni specifiche. Le possibilità sono numerose, per citarne alcune: Enviro-Cause è per la salvaguardia dell’ambiente e degli animali, Education + Children per associazioni che si occupano di bambini in difficoltà e delle loro famiglie, Cancer Awareness per la ricerca sul cancro e per il sostegno dei malati, Memorial Causes a favore di popolazioni del mondo colpite da tragedie e disastri naturali.

Livia Salvi

 

 

Febbraio 2015

Articoli Correlati

Nell'attuale contesto in cui il cambiamento climatico assume una crescente e incombente...
Scelto il rinnovato BoPo di Ponteranica per la cena annuale della nostra rivista, all’...
Come prepararci ad affrontare la stagione fredda Se ci sono delle certezze nel periodo...
Dalle leggende ancestrali alla nostra tavola, conosciamo le mandorle attraverso la storia...