feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Clima e povertà

Clima e povertà

Cause che generano effetti: i cambiamenti climatici costringono milioni di persone a lasciare il proprio Paese

"Clima e povertà... ma cosa c'entra?". Tanti amici mi hanno rivolto questa domanda quando ho condiviso con loro la mia partecipazione a un dialogo serale durante la scorsa edizione del Festival dell'Ambiente di Bergamo. Capisco che per molti l'accostamento non è immediato, come anche sento che sia emblematico il fatto che ci risulti difficile accostare questi due cruciali aspetti.Non si tratta di sfumature o di dettagli trascurabili. Tante donne e uomini sono in fuga oggi e nel 2050 potrebbero essere plausibilmente 250 milioni.

Uomini, donne e bambini che non scappano solo da guerre o persecuzioni o perché in cerca di una condizione di vita migliore. I profughi climatici non possono più vivere nei luoghi in cui sono nati e cresciuti, perché inondati o diventati un deserto a causa degli stravolgimenti del clima. Lasciare abitazione e famiglia, forse per sempre, con la speranza di raggiungere un luogo lontano per molti significa scappare per sopravvivere. Si stima che ogni anno questi profughi siano in crescita di 6 milioni, un numero più alto degli esuli di guerra.

Ad aggravare ulteriormente la situazione c'è il fatto che per loro resta molto lacunoso e confuso uno status giuridico, invece riconosciuto a coloro che scappano da conflitti e persecuzioni. Certo, i tempi affaticati e incerti che stiamo vivendo non ci aiutano nella condivisione e individuazione di ciò che è per noi "bene comune": in primis la vita delle persone e in questo il rispetto della nostra casa comune, come condizione per vivere. Prima di andare a vedere quello che fanno o non fanno gli altri, come cattolico, mi interrogo su quanto le nostre comunità, con annessi e connessi, possono dare il loro contributo formativo, culturale e fattivo. Se partiamo dalle questioni di fondo, ci ridiciamo con forza che questa grande e inutile sofferenza umana è contraria alla Dottrina Sociale della Chiesa Cattolica.

Risolvere il problema del cambiamento climatico è un modo per mettere in pratica i principi più fondamentali della nostra fede, la Chiesa da tempo ci incoraggia a prenderci cura del Creato e delle persone più a rischio. Papa Giovanni Paolo II, Papa emerito Benedetto XVI e Papa Francesco, hanno parlato tutti dei gas serra e del cambiamento climatico. Soprattutto l'enciclica "Laudato si" sviluppa questa questione ben connessa con tutto il tema ambientale, sempre letto assieme a quello sociale, «restando in ascolto del grido della terra e del grido dei poveri - dice Papa Francesco – i quali più soffrono per gli squilibri ecologici».

La guida per parrocchie eco-friendly

Tra le varie iniziative e proposte che si tenta di vivere e condividere dentro alle nostre comunità, credo sia prezioso segnalare la proposta della Guida per comunità e parrocchie ecologiche. Questa guida è il risultato del lavoro di traduzione e adattamento da parte di FOCSIV (Federazione degli Organismi Cristiani Servizio Internazionale Volontario), in collaborazione con Retinopera e l’Ufficio Nazionale per i problemi sociali e il lavoro della CEI, della “Eco – Parish Guide” prodotta dal Global Catholic Climate Movement (GCCM).

Il testo fornisce suggerimenti pratici per applicare la Laudato Si’, concentrandosi soprattutto su quelle azioni concrete, corrispondenti alle nostre capacità e ai nostri mezzi, che contribuiscono a stabilizzare il clima del nostro pianeta e a prenderci cura di coloro che sono stati danneggiati dal cambiamento climatico. Ce lo ridiciamo con convinzione che molto si gioca a livello locale, a partire dai nostri comportamenti, dagli stili di vita che adottiamo, singolarmente, nelle famiglie e nelle comunità, nelle parrocchie, nei nostri quartieri e nelle nostre città. È importante ritrovarsi uniti e impegnati insieme, oltre i confini, dal livello locale a quello globale, costruendo così quella fratellanza universale per la giustizia climatica, come ci propone in modo accorato Papa Francesco.

Don Cristiano Re

Luglio 2018

Articoli Correlati

Edo Ronchi
Edo Ronchi, ex ministro dell’ambiente, ha presentato a Treviglio (BG) la sua ultima...
Uva fragola
Un chicco di virtù Piccola e succosa, l’uva è il frutto che meglio evoca l’autunno. L’uva...
Burger di lenticchie
Piccolo chicco, grandi proprietà La lenticchia è una delle varietà di legume più antica...
Secondo e ultimo appuntamento con i consigli per stare in forma Il mese scorso vi abbiamo...