feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Cicoria

Sformati di cicoria con crema di fave

L'alleata della depurazione viene dai prati

Un tempo si diceva “pane e cicoria” per definire una condizione di estrema povertà, trattandosi di due cibi di facile reperimento.

La cicoria è infatti una pianta erbacea spontanea che appartiene alla famiglia delle Asteraceae e che si adatta facilmente ai diversi tipi di clima, senza particolari esigenze per il terreno.

Dall'inizio dell'estate fino a ottobre è facile vedere i campi ricoperti dei suoi piccoli fiori lilla, utilizzati anche dal medico inglese Edward Bach in medicina alternativa.

Il caratteristico sapore amarognolo della cicoria è dovuto alla presenza di sostanze alcaloidi; per evitare l’eccessivo gusto amaro, le foglie vanno raccolte prima della fioritura, oppure va eliminata la parte più interna.

La cicoria è ricca di sostanze preziose per la nostra salute: contiene cicorina, inulina, colina, tannino, amido, sali minerali e vitamine e ha proprietà astringenti, toniche, disinfettanti e disintossicanti. Favorisce inoltre il funzionamento della cistifellea, del fegato e dei reni, depura il sangue e stimola la digestione.

Non tutti sanno però che in passato era utilizzata come surrogato del caffè, bevanda che in tempi di guerra era introvabile o molto costosa, per cui si ricorreva a quello di cicoria.

Furono i turchi a portare il caffè in Europa nel XVII secolo, e nel 1645 venne aperta la prima casa del caffè a Venezia. Prima di allora, esisteva solo il caffè di cicoria, che oggi in molti stanno riscoprendo.

 

La ricetta - Sformati di cicoria con crema di fave

Ingredienti

• 1 kg di cicoria lessata

• 1 spicchio d’aglio

• 200 gr fave lessate sgusciate

• 100 gr salsiccia

• 250 ml latte

• 20 gr burro

• 20 gr farina

• q.b. noce moscata e sale 

Preparazione

Rosolare la cicoria lessata e tritata grossolanamente in padella con 3 cucchiai di olio e uno spicchio di aglio, salare. A parte saltare la salsiccia spellata e sbriciolata.

Preparare la besciamella: sciogliere il burro in una pentola antiaderente e incorporare la farina mescolando con la frusta.

Versare il latte caldo stemperandolo bene fino all’ebollizione, quindi aggiungere sale e noce moscata.

Frullare le fave con la besciamella. Ungere d'olio 4 stampini, rivestire il fondo e le pareti con la cicoria, mettere al centro la salsiccia e ricoprire con la cicoria.

Gratinare in forno 10 minuti a 200° C. Servire con la crema di fave.

 

Febbraio 2018

Articoli Correlati

Elezioni nazionali
L'Italia si prepara al primo voto con il Rosatellum Urne aperte domenica 4 marzo, dalle...
Pera
Un dono divino per la memoria Il pero, originario delle zone temperate del vecchio mondo...
Il libro di Emanuela Scarpellini
Un libro ci svela come vivevano gli italiani del passato a partire dalla tavola Per uno...
Kerala, oasi felice dell’India
Viaggiare responsabile nel Paese degli dei Kerala viene chiamata il “Paese degli dei”...