feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Bonus bici ed Ecobonus. Una ripartenza da oltre 220 milioni

Bonus bici ed Ecobonus

Sconto sull’acquisto di bici e monopattini elettrici, maggiore tutela sulle strade e più soldi all’Ecobonus: il rilancio promuove gli spostamenti green

Il Decreto Rilancio ha fatto salire a 220 milioni di euro lo stanziamento dedicato alla mobilità sostenibile per il 2020. Somma, questa, che va ad agire sia sulla mobilità pubblica che su quella privata e che pone l'attenzione sulla sostenibilità degli spostamenti. 

Se da una parte, infatti, incentivare il trasporto pubblico sarà compito arduo (vista l’attuale difficoltà di mantenere il distanziamento sociale sui mezzi), dall’altra la grande vincitrice del nuovo scenario urbano sembra essere la mobilità sulle due ruote, anche nella sua versione elettrificata. A tutto questo si aggiungono alcune modifiche al codice della strada, che hanno l’obiettivo di favorire lo spostamento sicuro dei ciclisti. Dal 2021 tornerà inoltre in vigore il “bonus mobilità” destinato alla rottamazione dei veicoli più inquinanti. 

Bonus bici

La novità che più ha diviso i pareri è il provvedimento ribattezzato “bonus bici”, cioè il rimborso del 60% sull’acquisto di biciclette muscolari, ebike, monopattini elettrici, segway, monowheel e hoverboard, per un valore massimo di 500 euro. Il bonus è valido per gli acquisti fatti dal 4 maggio 2020 al 31 dicembre 2020 ed è destinato a chi vive in città. Infatti, possono usufruirne le persone maggiorenni che hanno residenza nei capoluoghi di Regione, nei capoluoghi di Provincia, nei Comuni con popolazione superiore a 50.000 abitanti e nei comuni delle 14 Città metropolitane italiane: Bari, Bologna, Cagliari, Catania Firenze, Genova, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Roma Capitale, Torino, Venezia. 

Secondo gli ultimi aggiornamenti, si potrà usufruire del "bonus bici" secondo due modalità, entrambe tramite l’apposita piattaforma online predisposta dal Ministero dell’Ambiente, attiva dalla seconda metà del mese di luglio. Chi ha già acquistato uno dei mezzi compresi all’interno del bonus dopo il 4 maggio, potrà richiedere il rimborso con la fattura o lo “scontrino parlante”: in questo caso bisognerà identificarsi sulla piattaforma con il proprio SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) e, una volta conclusa la registrazione con i propri dati e l’Iban, attendere 3-4 giorni per avere il rimborso.

Chi invece non ha ancora acquistato un mezzo a due ruote, potrà richiedere un buono spesa digitale da consegnare al negoziante autorizzato al quale verrà pagato il prezzo del veicolo decurtato dell’importo del bonus. L’acquisto potrà essere fatto anche sul web, ma in questo caso saranno i rivenditori online a doversi attivare per rendere possibile la fruizione del buono digitale nell’e-commerce. I buoni richiesti devono essere utilizzati entro 30 giorni dall’erogazione, pena l’annullamento.

Oltre a questo, per tutto il 2021 saranno anche attivati contributi per l’acquisto di bici, monopattini elettrici e abbonamenti al trasporto pubblico locale e regionale, a fronte però della rottamazione di auto dalla classe Euro 3 in giù o del motociclo omologato fino alla classe Euro 2 ed Euro 3, se a due tempi. La cifra ottenuta - pari a 1.500 euro per ogni autovettura e 500 euro per ogni motociclo - potrà essere spesa entro il 31 dicembre 2024. Anche in questo caso, il buono per la rottamazione è riservato ai soli residenti nei Comuni con più alta concentrazione di smog, quelli cioè che sforano abitualmente i limiti di concentrazione nell'aria di polveri sottili e biossido di azoto (individuate dalla direttiva 2008/50/CE).

Novità anche sulle strade

Per incoraggiare l’utilizzo dei mezzi di trasporto più sostenibili, all’interno del “decreto rilancio” sono state inserite anche alcune modifiche del codice della strada, per favorire la mobilità lenta, sottraendo nel contempo spazio agli altri mezzi. Il decreto prevede infatti la realizzazione di corsie ciclabili sulla destra della carreggiata, delimitate da una striscia bianca discontinua per permettere la circolazione delle bici nelle strade urbane sullo stesso senso di marcia dei veicoli: una soluzione che i Comuni potranno adottare in tempi rapidi, utilizzando parte della carreggiata già esistente. 

L’altra novità riguarda l’introduzione della “casa avanzata”, ovvero uno spazio riservato esclusivamente a chi utilizza la bicicletta negli incroci regolati da semafori. Secondo la normativa, la casa avanzata deve stare almeno a tre metri di distanza rispetto alla linea di arresto dei veicoli e serve per separare lo stop delle bici da quello delle vetture: si tratta di una misura non indifferente, alla luce dell’alto numero di incidenti che ogni anno coinvolgono ciclisti e automobilisti proprio nelle zone degli incroci.

Più fondi all’Ecobonus per auto e energie rinnovabili

Dopo essere stati sospesi lo scorso 23 febbraio a seguito delle misure di contenimento del contagio, il 18 maggio sono tornati nuovamente attivi i termini per il completamento della prenotazione dell’Ecobonus. Dopo l’incertezza dei mesi scorsi, il Ministero dello Sviluppo Economico ha confermato l'aggiunta di 100 milioni di euro al fondo destinato all’Ecobonus per l’anno 2020 e 200 milioni di euro per il 2021, destinati all’acquisto di auto elettriche e ibride fino a 60 g/km di CO2. Questi fondi si sommano allo stanziamento presentato nella Legge di Bilancio 2019, che prevede 60 milioni di euro per il 2019 e 70 milioni di euro per il 2020 e il 2021. 

Sempre in tema di mobilità sostenibile, all’interno dell’Ecobonus casa, il Decreto ha stabilito incentivi destinati alle colonnine di ricarica elettriche domestiche. Nello specifico, si ha diritto ad un rimborso del 110% per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 fino al 31 dicembre 2021 (si veda l'articolo successivo). 

Gianluca Zanardi

Luglio 2020

Articoli Correlati

Brescia: il territorio del vino
La fine dell’estate è il momento ideale per scoprire e assaporare i vigneti e i calici di...
e-bike per le persone con disabilità
Assieme ad altre realtà europee, il Comune di Bergamo ha vinto un nuovo bando del...
escursioni gratuite in Lombardia
Ecco tutti gli itinerari ai quali è possibile prendere parte assieme alle Guide alpine e...
orto
L’iniziativa “Fare l’orto fa bene” lanciata dall’Orto Botanico di Bergamo vuole...