feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Autunno, tempo di castagne

Autunno, tempo di castagne

Sul lago di Como un “maxi castagneto” da 220 ettari

L’autunno è arrivato e insieme all’aria frizzantina che ci scompiglia i capelli, tra le foglie rosse e gialle che cadono dagli alberi, ha inizio la raccolta del frutto autunnale per antonomasia, la castagna.

Quello che un tempo era il “pane dei poveri” è tornato a essere una realtà importante e presente anche sul Lario. Lo segnala Coldiretti: i boschi dedicati a castagneti sul lago di Como superano i 220 ettari.

Più precisamente, il comasco con i suoi 143 ettari si attesta al secondo posto tra le province dell’intera Lombardia, preceduta solo da Brescia. A Lecco sono invece 81 gli ettari dedicati a questa specialità autunnale.

Le notizie positive non finiscono qui: se negli ultimi anni la produzione dei castagni era diminuita esponenzialmente a causa dell’attacco del cipinide, un parassita di origine asiatica, grazie alla lotta biologica messa in atto dagli agricoltori di Como, questo problema sembra essere in fase di superamento.

Il cipinide è stato eliminato in modo ecologico e sostenibile attraverso l’introduzione del torimide, un insetto antagonista, anch’esso orientale, che distrugge le uova del parassita e poi si autoestingue quando non trova più elementi di cui nutrirsi; una tecnica di contrasto agli organismi alieni e infestanti che mantiene inalterata e di alto livello la qualità di questi frutti.

Così quest’anno la produzione a livello regionale dovrebbe sfiorare il milione di kg per oltre 30 milioni di castagne che verranno raccolte fino alla fine di novembre, a seconda della varietà e della posizione. Dati incoraggianti arrivano anche dall’aumento dell’estensione dei boschi, che in Lombardia negli ultimi dieci anni sono passati dai 385 ettari del 2006 ai quasi 900 attuali.

La castagna è per la montagna quello che la zucca è per la pianura: un frutto della terra che può essere usato in mille modi, dagli gnocchi ai dolci, dalla polenta alla confettura, oppure tagliate e cotte sul fuoco come le caldarroste.

Questo frutto stagionale è una riserva naturale di energia in vista dei freddi mesi invernali, possiede sali minerali, ferro, vitamina B, fosforo e acido folico. I castagneti del lago di Como sono un vero e proprio patrimonio naturalistico da tutelare e salvaguardare.

Elena Parigi

 

Prima di Como. Nuove scoperte archeologiche dal territorio

Per la prima volta in mostra, reperti archeologici di grande importanza storica, esito della ricerca condotta a Como negli ultimi dieci anni, vengono esposti nella suggestiva Chiesa di San Pietro in Atrio fino al 10 novembre. L’articolata rassegna “Prima di Como.

Nuove scoperte archeologiche dal territorio” è stata organizzata congiuntamente dalla Soprintendenza Archeologica e dai Musei Civici di Como. Urne cinerarie e vasi per offerte dalle forme inconsuete, ornamenti in bronzo, ferro, ambra, pasta vitrea, elementi di abbigliamento, amuleti, simboli di status delle antiche popolazioni e preziosissime armi riferibili alla cultura protostorica detta “di Golasecca” caratterizzano il percorso espositivo, accompagnato da fotografie e disegni ricostruttivi, video e immagini 3D che forniscono, grazie alle nuove tecnologie, informazioni approfondite finalizzate a coinvolgere un vasto pubblico.

La mostra è inoltre un invito a visitare i beni archeologici presenti in città e nei dintorni: il Museo Civico cittadino, dove sono conservati l’originale del Carro celtico e i reperti dei passati rinvenimenti nella necropoli della Ca’ Morta; il Parco della Spina Verde; il Circolo dell’Ospedale di Sant’Anna e infine, per l’epoca romana, l’area delle Terme di Viale Lecco e Porta Pretoria.  

Ottobre 2017

Articoli Correlati

Sette anni in sette giorni
Novembre 2017, bene. Ci guardiamo indietro e… sette anni, sono passati già sette anni e...
Abbigliamento sostenibile. Vestirsi per filo e per sogno
A Paladina la fiera del tessile biologico, ecologico e solidale Domenica 22 ottobre...
Il grande sentiero
Montagna, viaggi, avventure e ambiente nella rassegna cinematografica di Lab80 Nona...
“I mestieri del libro”. La XV edizione della Rassegna della Microeditoria di Chiari
Dal 10 al 12 novembre a Villa Mazzotti la manifestazione sulla piccola editoria...