feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Autostima: una risorsa da coltivare

Autostima: Una risorsa da coltivare

L’importanza di una coerente immagine di sé nella promozione della riuscita personale

Quanto vi riconoscete in affermazioni come: “Tutto sommato sono soddisfatto di me”, “Penso di avere molte qualità” o, al contrario, “Mi sento spesso inutile”, “Penso di essere un fallimento”?

Più siete d’accordo con le prime due affermazioni e più vi valorizzate. Se, invece, vi sentite più in linea con la terza e la quarta affermazione forse tendete a stimarvi meno.

Questa valutazione positiva o negativa di sé consiste in un riconoscimento globale del proprio valore e corrisponde al concetto di autostima.

Come suggeriva Maslow, abbiamo bisogno di autostima per la nostra personale riuscita e per il nostro benessere complessivo, nei vari ambiti di vita.

Se io non mi rispetto e non mi apprezzo, come potrò ricevere rispetto e apprezzamento dagli altri? Se non esprimo adeguatamente i miei bisogni e quindi mi adatto a una vita poco soddisfacente, come posso raggiungere gli obiettivi che mi sono prefissato?

Esprimere buoni livelli di autostima, dunque, produce non solo positive rappresentazioni di sé, ma permette anche di affrontare le difficoltà, come l’utilizzo di strategie di coping funzionali alla situazione (affrontare e non evitare).

È attraverso la mediazione di queste componenti che l’autostima si rivela sostenibile sia all’adattamento e al benessere, che alla riuscita e alle prestazioni, determinando dei circoli positivi in cui i buoni risultati e lo star bene con se stessi incidono sulla valutazione di sé, mantenendola e stabilizzandola nel tempo.

Si può imparare e sicuramente migliorare l’atto di percepirsi capaci e valorizzarsi e, di conseguenza, di stimare la propria persona.

È importante consentire a noi stessi di fare chiarezza su quelli che sono i valori che vogliamo seguire, imparando a riconoscere le emozioni ed entrando in contatto con quelle maggiormente vicine alla nostra personalità, che ci sostengono nei momenti di difficoltà e ci permettono di esperire competenza.

Questo processo può essere anche favorito da un ambiente che stimoli il mettersi in gioco e la sperimentazione di sé, garantendo accoglienza e valorizzazione non tanto dei risultati ottenuti, ma dell’impegno e del coinvolgimento dimostrati.

Vera Zanchi

Psicoterapeuta dell’équipe TheClew 

Novembre 2015

Articoli Correlati

Economia Solidale e Sociale: verso una legge regionale
Nei mesi scorsi è stato avviato il percorso per una proposta di legge regionale sull’...
“Anthropoceano”, il primo murales mangia-smog di Milano
L'opera d'arte è realizzata con pittura Airlite capace di assorbire anidride carbonica e...
Pera
Il frutto più delicato Frutto molto amato per il suo sapore dolce e delicato, la pera ha...
Aglio
Il grande curatore L’aglio è tra gli ingredienti dalle proprietà curative più forti e...