feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Astino regala piante bio alle persone con più di 65 anni

orto

L’iniziativa “Fare l’orto fa bene” lanciata dall’Orto Botanico di Bergamo vuole promuovere l’importanza della biodiversità come ricchezza e valore.

Sabato 1 agosto alle ore 10.00, presso la sezione di Astino, quindi, l'Orto Botanico di Bergamo distribuirà gratuitamente agli over 65 appassionati di orticoltura alcune piantine biodiverse accompagnando la consegna con una breve presentazione sulla tipologia e le modalità di utilizzo.

«L'idea nasce durante il periodo del lockdown quando si era alla ricerca di modalità in grado di garantire ai cittadini, soprattutto anziani, la possibilità di effettuare, al momento della ripartenza, attività all'aperto compatibili con le norme di sicurezza e, allo stesso tempo, rispettose dell'esigenza di contatto con la natura e di un sano stile di vita. – dichiara l'Assessore al Verde pubblico Marzia Marchesi – Crediamo che questa prima eccezionale iniziativa, dedicata non solo agli assegnatari degli orti urbani e civici ma a tutti i cittadini over 65 che desiderano cimentarsi in quest'attività, possa rappresentare l'occasione per incrementare gli orti in città, come previsto dalle linee di mandato, e far scoprire una nuova passione che fa bene alla salute, predispone al rispetto del tempo e dell'attesa, aiuta a sintonizzare i ritmi della propria vita con quelli della natura e dei suoi cicli».

«Questo di sabato 1 agosto rappresenta il primo appuntamento di un progetto dedicato agli orticoltori amatoriali: un percorso che risponde ad una delle nostre principali finalità, la formazione, e ad uno dei nostri obiettivi prioritari, la conoscenza e promozione della biodiversità come ricchezza e valore. – racconta il Direttore dell'Orto Botanico di Bergamo Gabriele Rinaldi – Abbiamo già ipotizzato una serie di incontri nei mesi di novembre, febbraio, marzo, aprile e giugno, quelli in cui la natura chiede che l'orto venga preparato, seminato e allestito per il raccolto, primaverile, estivo e autunnale».

Le piantine che verranno donate, in particolare cavolo, finocchio, radicchio e lattuga, sono state acquisite alla Cooperativa Aretè e sono certificate Bio. Le eventuali eccedenze verranno assegnate durante l'Asta Biodiversa, tradizionale iniziativa in collaborazione con l'Associazione Amici dell'Orto Botanico, prevista per il 9 agosto.

Luglio 2020

Articoli Correlati

Approvato dall'Amministrazione il progetto di finanziamento da inviare a Roma...
Surgelati
Lo spreco alimentare è un problema annoso che da sempre coinvolge, purtroppo, tantissime...
Saperi in transizione
C’è tempo fino al 13 dicembre per iscriversi a Saperi in Transizione, l’unico corso del...
Cosmetica Green: un mercato da 50mld di euro l’anno
Millennial e Gen Z i consumatori più attivi Al giorno d’oggi si presta sempre più...