feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Agire un’attesa

Agire un’attesa

Mettere le virgole e i punti nel flusso della quotidianità

In questi giorni mi capita spesso di fermarmi a riflettere sul tema dell’attesa.

In un momento storico in cui non è concesso rimanere indietro e chi si ferma è perduto, ci si dimentica un po’ dell’importanza dell’aspettare e del riuscire, anche solo per pochi minuti, a rimanere in silenzio e faticosamente zittire i propri pensieri.

Mettere una virgola e, quando necessario, anche un bel punto.

Allora sono andata a riprendere uno dei capisaldi della mia formazione come terapeuta “I tempi del tempo” di Luigi Boscolo e Gianfranco Cecchin e che fa riflettere su come il tempo possa essere concepito in maniera diversa da diverse persone, da diversi gruppi di persone, o anche dalla stessa persona in momenti diversi; su come la realtà di un tempo oggettivo, il tempo dell’orologio, sia vera solo nel proprio dominio descrittivo.

Mentre si fa condizione reale quando è considerata come assoluto da una comunità divenendo dunque una convenzione generalizzata.

Siamo così inseriti in un tempo individuale, un tempo culturale e uno sociale.

Ma, è sul tempo individuale che possiamo agire direttamente.

Vi sembrerà un paradosso, ma è proprio nel tempo dell’attesa che possiamo.

La nostra volontà, costantemente messa alla prova, oggi più che mai deve incidere nello scegliere quando e come mettere le virgole e i punti nel flusso continuo di dinamiche di cui siamo partecipi.

Una punteggiatura che in prima persona possiamo scegliere per rendere le nostre azioni e relazioni più sostenibili.

Nel tempo del tempo possiamo fare la differenza e creare uno spazio per l’attesa della novità che ci si prospetta.

Diana Prada - Psicologa dell’équipe TheClew

 

Dicembre 2015

Articoli Correlati

Dal punto di vista legale le normative vigenti in Europa che regolamentano la...
Scopri le proprietà dell’aceto balsamico, quale marca scegliere e qual è il migliore:...
Il corretto smaltimento dei toner esausti non è una di quelle cose da prendere sotto...
Pezzi unici, eleganti, resistenti e altamente personalizzabili, per un’economia circolare...