feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Varata Ita-Ca, la barca realizzata da Cauto con materiali di scarto

Varata Ita-Ca, la barca realizzata da Cauto con materiali di scarto

Il catamarano è stato sviluppato nell'ambito del progetto “H2oPlanet” che nei prossimi 7 anni studierà lo stato dell'acqua sul nostro Pianeta

Lo scorso 15 giugno a Iseo (Bs) è stato varato Ita-Ca, il catamarano costruito interamente con scarti e rifiuti, nato dalla collaborazione tra l’Associazione 7milamiglialontano e la Rete Cauto. Al varo erano presenti Alessandro Zani, presidente di Cauto, e Marco Pellegrini, coordinatore Ita-Ca per la rete bresciana.

Realizzata dai 500 lavoratori delle cooperative sociali della rete Cauto, che si sono attivati in una raccolta differenziata di plastiche e materiali di scarto a cui dare nuovo valore e nuova vita, l'imbarcazione è stata sviluppata all'interno dell'ampio progetto “H2oPlanet”, che l'associazione 7milamiglialontano ha messo in campo per affrontare sotto molteplici aspetti – ambientali, sociali, economici – il tema della salvaguardia delle acque del pianeta. H2oPlanet si svilupperà nell'arco dei prossimi sette anni, toccando tutti i continenti, per documentare il ciclo della plastica nelle acque e le sue conseguenze. Il catamarano Ita-Ca è quindi una metafora perfetta di questo viaggio intelligente che pone al centro la ragione ecologica dell'uomo e ne sarà parte attiva “in casa”: mentre alcuni dei team di H2oPlanet sono in giro per il mondo, infatti, Ita-Ca attraverserà durante l'estate le acque dei laghi di Iseo, Idro e Garda.

Ita-Ca: una visione di futuro

«La condivisione di una visione sull’ambiente e sulla solidarietà, valori costitutivi per la Rete Cauto e obiettivi principali del progetto “MML5.0 H2oPLANET”, è la principale ragion d’essere della nostra “partecipazione” al viaggio di 7milamiglialontano - ha affermato Alessandro Zani, presidente di Cauto -. Le cooperative sociali della nostra Rete hanno da subito scelto di prendere parte, attraverso una partnership concreta, a questo viaggio culturale che promuove una visione ecologica, etica ed estetica di cura e attenzione per il mare e il mondo che abitiamo».

Ita-Ca è anche il nome del nuovo marchio di Rete Cauto che punta a trasformare le opportunità offerte dall’ambiente in attenzione alle persone, all’ambiente e alla qualità: una scelta non affatto casuale, perché proprio il know how tecnologico e informatico di Ita-Ca è la seconda azione concreta di sostegno a questo progetto che prevede, per i prossimi mesi, la realizzazione di una grande opera d’arte, un’installazione imponente per raccontare e patrimonializzare il progetto e le tappe di questo lungo viaggio di sette anni su tutti i continenti.

«Ita-Ca è il linguaggio scelto dalla nostra cooperativa per interpretare il futuro e generare conoscenza – ha spiegato Marco Pellegrini, coordinatore di Ita-Ca per Cauto -. Una software house giovane e dinamica, composta da sviluppatori software, sviluppatori web, analisti e sistemisti con esperienze anche ventennali, per affrontare cambiamenti, nuove sfide aziendali».

In occasione dell’ultima tappa sul Lago di Garda, prevista per il weekend del 13 e 14 luglio, un team di Cauto si cimenterà nella navigazione: Ita-Ca verrà poi trasferita presso la sede di Cauto, pronta a salpare per nuove mete solidali già da settembre. 

Luglio 2019

Articoli Correlati

Festival di Lecco
Appuntamento dal 13 al 15 settembre nella città dei Promessi Sposi, tra lago, montagna,...
Economia Solidale e Sociale: verso una legge regionale
Nei mesi scorsi è stato avviato il percorso per una proposta di legge regionale sull’...
La mensa scolastica
Menù, porzioni e linee guida per le mense bergamasche Zaini in spalla e… tutti di nuovo a...
Rabarbaro
Base della medicina orientale La prima cosa che sicuramente ci verrà in mente pensando al...