feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Uva fragola

Uva fragola

Un chicco di virtù

Piccola e succosa, l’uva è il frutto che meglio evoca l’autunno. L’uva fragola, conosciuta anche come uva americana, è caratterizzata dal gusto zuccherino simile al frutto da cui prende il nome. La varietà “americana” giunse in Italia alla fine dell’Ottocento e venne utilizzata come portainnesto per contrastare l’epidemia che in quegli anni colpì le viti dell’antico continente. La forte resistenza a ogni malattia convinse gli agricoltori a coltivarla in maniera massiccia.

Proprio a causa della paura che questa varietà sostituisse i prodotti locali, venne emanata una legge nel 1936 in cui l’utilizzo di questa uva per produrre il vino, conosciuto come “fragolino”, era considerato legale solo se per uso privato.

Gli acini dell’uva fragola sono piccoli e tondi di un bel color violaceo scuro. La buccia dal sapore aspro contrasta con la polpa dolce. I suoi chicchi sono una vera e propria riserva di benessere grazie alla ricca quantità di antiossidanti come resveratrolo e polifenoli che contrastano la comparsa dei tanto temuti radicali liberi. Inoltre, grazie alla presenza di vitamina C e vitamina B, rinforza il sistema immunitario oltre aessere una vera alleata contro i tumori grazie alle sue proprietà antinfiammatorie.La polpa, composta per l’83% da acqua, è ricca di acidi grassi benefici per il cuore.

La vitamina A e la luteina sono preziose per gli occhi, dato che ne proteggono la retina e prevengono la cataratta e le degenerazioni maculari. Grazie all’alto contenuto di acqua, l’uva fragola ben si adatta a una alimentazione sana ed equilibrata; non scordate di portare questi chicchi di virtù sulle vostre tavole autunnali. 

 

La ricetta > Risotto all'uva fragola

Ingredienti per 4-5 Persone

• 500 gr di uva fragola

• 450 gr di Riso Carnaroli

• 1 bicchiere di vino rosé

• ½ cipolla bianca

• 70 gr di burro

• Parmigiano q.b

• Brodo vegetale q.b. 

Preparazione
Lavare l’uva sotto acqua corrente, frullare gli acini nel passaverdure, setacciare la purea con un colino così da eliminare le parti solide e conservare il succo. In un tegame far imbiondire la cipolla con del burro. Aggiungere il riso facendolo tostare per qualche minuto. Sfumare con un bicchiere di vino sino a evaporazione. Aggiungere il succo d’uva precedentemente conservato. Continuare aggiungendo mano a mano il brodo fino alla cottura del riso. Togliere il tegame dal fuoco e mantecare con il burro e del formaggio parmigiano. Lasciar riposare il risotto qualche minuto prima di servirlo. Potete guarnire il piatto con acini di uva tagliati a metà. 

 

Ottobre 2018

Articoli Correlati

Edo Ronchi
Edo Ronchi, ex ministro dell’ambiente, ha presentato a Treviglio (BG) la sua ultima...
Burger di lenticchie
Piccolo chicco, grandi proprietà La lenticchia è una delle varietà di legume più antica...
Secondo e ultimo appuntamento con i consigli per stare in forma Il mese scorso vi abbiamo...
Tully
La commedia agrodolce “Tully” racconta le difficoltà della maternità (ma non solo) Se...