feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Tempo d’estate… voglia d’abbronzatura

Abbronzatura Rubrica Visini

Prestare la giusta attenzione per evitare che un’esperienza piacevole possa portare conseguenze fastidiose o dannose

L’arrivo dell’estate e del caldo fa rinascere come ogni anno la voglia di sdraiarsi al sole per godere di una perfetta tintarella che rende tutti un pochino più belli.

Va ricordato però che i raggi del sole possono anche creare danni e conseguenze spiacevoli: come fare quindi a unire protezione e abbronzatura? In questo articolo proveremo a dare alcuni semplici consigli.

Primo: “assumere” con moderazione

In generale il consiglio migliore è come sempre quello di modulare l’esposizione al sole in base al tipo di pelle, al grado di abbronzatura già raggiunto, alle ore del giorno, al periodo e alla latitudine a cui ci si trova. È noto che esporsi al sole nelle ore più calde risulta più dannoso che produttivo.

I raggi solari con le radiazioni UVA e UVB possono danneggiare la pelle, a partire dalla “semplice” scottatura, agli eritemi, fino agli effetti ossidativi a carico delle cellule dell’epidermide.

Avere consapevolezza del proprio fototipo, cioè del proprio tipo di pelle, è essenziale per scegliere la miglior protezione.

Ci sono poi, a prescindere dai diversi fototipi, alcuni accorgimenti validi universalmente.

Integratori per prepararsi al sole

L’abbronzatura è il risultato della produzione di melanina da parte delle cellule dell’epidermide in risposta ai raggi UVA e UVB.

L’utilizzo di integratori contenenti stimolatori di melanina quali Beta-carotene, Red Orange complex e vitamina C (molto utile come antiossidante per controbattere gli effetti dannosi delle radiazioni solari) consente di ridurre il rischio di scottature e di comparsa di eritemi, garantendo così anche un’abbronzatura più uniforme, più duratura e senza macchie.

Protezioni solari

Le creme solari sono fondamentali per chiunque esponga la pelle al sole, indipendentemente dalle condizioni esterne o individuali; le preparazioni presenti in commercio sono numerose e caratterizzate da una vasta gamma di filtri e protezioni, da quelli chimici a diverse gradazioni fino a quelli fisici, fondamentali per creare uno schermo invalicabile alle radiazioni ossidanti.

È essenziale utilizzare sempre, anche quando si è già abbronzati, una protezione per schermare la cute dai raggi UVA e UVB e dalla loro azione ossidante, causa di invecchiamento precoce della pelle ma anche e soprattutto di melanomi.

Molte persone sono ancora convinte che utilizzare creme solari rallenti o addirittura ostacoli l’abbronzatura: una convinzione non solo errata ma è addirittura vero il contrario.

Infatti, pianificare adeguatamente l’utilizzo di filtri solari a scalare consente di ottenere un risultato molto più duraturo, uniforme e soprattutto sicuro.

Esistono in commercio protezioni solari specifiche per ogni tipo di pelle e per ogni esigenza: ipollargeniche, per pelli sensibili e intolleranti, senza parabeni né siliconi né profumi - tutte sostanze potenzialmente allergizzanti -; esistono inoltre preparati specifici per la pelle del viso con effetto anti-age.

Di recente commercializzazione, si possono trovare inoltre protezioni solari specificamente indicate per prevenire alcuni tipi di tumori della pelle, quali ad esempio i basaliomi o malattie cutanee come la cheratosi attinica.

Per chi vuole un’abbronzatura più prolungata e più curata, sono particolarmente indicati i solari con “Tanning System”, grazie alla loro azione volta a stimolare la produzione di melanina.

Queste protezioni non hanno un filtro protettivo particolarmente alto e quindi non si addicono ai bambini, a chi soffre di eritemi o irritazioni cutanee né a chi ha un fototipo particolarmente chiaro.

Un ultimo accenno ai capelli: non ci si deve dimenticare di proteggerli dall’esposizione solare in quanto i bulbi eccessivamente sottoposti ai raggi UVA e UVB possono passare in fase passiva con conseguente aumento della caduta nella stagione autunnale: molto utile in tal senso può essere proteggerli con olii appositi.

E infine, reidratazione

Dopo l’esposizione solare è sempre necessario reidratare la cute che ha perso acqua per traspirazione e che quindi può seccarsi, generando due effetti negativi: la pelle secca tende a squamarsi con ripercussione sulla qualità dell’abbronzatura ma soprattutto causando il venir meno dell’effetto barriera protettiva dell’epidermide a beneficio del derma sottostante.

La reidratazione richiede latti, creme fluide o qualsiasi altro preparato in grado di nutrire la pelle penetrando lo strato idrolipidico superficiale.  

Dott. Michele Visini

Giugno 2017

Articoli Correlati

Sette anni in sette giorni
Novembre 2017, bene. Ci guardiamo indietro e… sette anni, sono passati già sette anni e...
Abbigliamento sostenibile. Vestirsi per filo e per sogno
A Paladina la fiera del tessile biologico, ecologico e solidale Domenica 22 ottobre...
Autunno, tempo di castagne
Sul lago di Como un “maxi castagneto” da 220 ettari L’autunno è arrivato e insieme all’...
Il grande sentiero
Montagna, viaggi, avventure e ambiente nella rassegna cinematografica di Lab80 Nona...