feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Tartufo

Tartufo

Il diamante della cucina

Conosciuto già nel I secolo d.C., grazie al filosofo greco Plutarco si tramanda l'idea che il prelibato fungo nasca dall'azione combinata dell'acqua, del calore e dei fulmini. Fin dal medioevo il tartufo è stato molto apprezzato soprattutto nelle cucine di nobili e alti prelati. Tra i luoghi che anche all’epoca erano rinomati per la raccolta e il commercio dei tartufi ricordiamo il Monferrato, i cui tartufi erano diretti alla corte mantovana dei Gonzaga, e la zona di Tortona che riforniva i Visconti di Milano.

Le due varietà più celebri sono il tartufo bianco e il tartufo nero. Il primo è considerato il più pregiato in assoluto. Il tartufo è ricco di antiossidanti naturali, vitamine e sali minerali (come potassio, calcio e magnesio). Aiuta a combattere l’invecchiamento, stimola la produzione di collagene e favorisce la digestione; vanta inoltre proprietà benefiche a favore dell’apparato cardiovascolare. Oggi sappiamo che i tartufi crescono spontaneamente nel terreno accanto alle radici di alcuni alberi o arbusti con i quali stabiliscono un rapporto simbiotico; la loro forma varia con le caratteristiche del terreno in cui si sviluppano. Sono noti anche per il loro alto valore economico, ma non spaventatevi: se siete curiosi o ottimi cuochi potrete trovare anche il modo di assaporare ricette al tartufo a prezzi ragionevoli. 

 
La ricetta > Fettuccine al Tartufo nero
 
Ingredienti

• Fettuccine all'uovo 250 gr

• Tartufo nero 80 gr

• Aglio 1 spicchio

• Olio extravergine d'oliva 50 gr

• Burro 40 gr

Preparazione

Lavare accuratamente il tartufo, passandolo sotto un filo di acqua corrente e spazzolandolo per togliere i residui di terriccio, poi affettarlo a lamelle molto sottili. Scaldare l’olio e il burro in una padella, aggiungere l’aglio mondato lasciandolo imbiondire. Successivamente spegnere il fuoco e aggiungere le scaglie di tartufo mischiando delicatamente, conservandone qualche fetta per la decorazione finale del piatto.

Cuocere le fettuccine all’uovo in abbondante acqua salata e dopo averle scolate, unirle col condimento a base di tartufo e mescolare. Servire il piatto arricchendolo con le scaglie di tartufo nero tenute da parte. 

 
 
Dicembre 2018

Articoli Correlati

Economia Solidale e Sociale: verso una legge regionale
Nei mesi scorsi è stato avviato il percorso per una proposta di legge regionale sull’...
E ora coraggio e lungimiranza. Sindaci e assessori: niente più alibi
Dopo le elezioni europee e amministrative, avviate i cinque anni del vostro mandato con...
Il Festival della Sostenibilità e dell'Ambiente sbarca a Lecco
Dal 13 al 15 settembre nel cuore della città lariana alla scoperta delle potenzialità del...
Overshoot Day
Il vecchio Continente di fronte alle nuove sfide ambientali tra stati di emergenza e...