feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Second hand, circolarità e sinergie. Novità a Spigolandia

Spigolandia

Il negozio dell'usato di Cauto racconta la sua attività e lancia i nuovi progetti: possibilità di conto vendita e vetrine d'autore

Uno dei modi migliori per abbattere il nostro impatto sul consumo di risorse?
Comprare usato e riscoprire il valore del second-hand, soprattutto per quanto concerne l'abbigliamento.
La rimessa in circolo di beni tessili e abiti usati è il pilastro fondamentale di Spigolandia, il negozio dell'usato di Rete Cauto a Brescia, che così raggiunge ben tre importanti obiettivi contemporaneamente: abbatte il consumo delle risorse del pianeta (basti pensare che per produrre una nuova maglietta in cotone sono necessari 2.700 litri di acqua, mentre un singolo paio di jeans ne richiede addirittura 6.800), permette ad abiti e oggetti ancora in buono stato di avere una nuova vita, sfuggendo così al circolo vizioso della continua produzione di rifiuti da smaltire e aiuta il reinserimento lavorativo di persone in difficoltà.
Inoltre, a dispetto dell'ancora (troppo) praticata fast-fashion, il nuovo trend attento all'ambiente piace. E sono i numeri a testimoniarlo.

I numeri e le novità di Spigolandia

Nel 2018 Spigolandia ha recuperato più di 54 mila beni e rivenduto oltre 40 mila abiti in seconda mano: se fossero state tutte magliette, ci sarebbe stato un risparmio di acqua pari a 108 milioni di litri, equivalente a 43 piscine olimpioniche.

Accanto agli abiti, anche gli oggetti vari (2.400, tra casalinghi, quadri e accessori), i libri (8.560), mobili (700) e biciclette (650): una vera e propria filiera economica, ecologica ed etica che consente di generare percorsi di inserimento lavorativo per persone in difficoltà e che permette anche al cittadino di contribuire, scegliendo cosa acquistare, ma pure portando a Spigolandia ciò che non usa più ma che potrebbe essere ancora utile per qualcun altro.

Da qualche tempo, inoltre, c'è anche una novità: il conto vendita, un modo che consente di guadagnare immediatamente rivendendo i propri oggetti, potendo usufruire di uno spazio espositivo nel cuore della città di Brescia (maggiori informazioni nel box).

Non solo: dal 7 novembre 2019 partirà anche la “Vetrina d'autore”, nuovo spazio espositivo e di vendita all’interno di Spigolandia dedicato a piccole collezioni speciali realizzate da designer, artigiani o stilisti in esclusiva per Spigolandia.

La prima realtà ospitata è Cardamomo (www.cordamomolab.it), il Laboratorio artistico della Cooperativa Sociale "Il Segno" di Brembate (BG), un luogo speciale in cui persone fragili realizzano abiti, borse solidali e bomboniere personalizzate: un bel modo per creare sinergie più grandi sul tema del commercio etico, con altre realtà meno visibili o più distanti.

 

Conto vendita

Per partecipare a Spigolandia tramite conto vendita si può:

• fissare un appuntamento in negozio;

• contattare il numero 349-8499416 (chiamate e Whatsapp)

• mandare una mail con foto degli oggetti che si vogliono vendere a contovendita@cauto.it

Novembre 2019

Articoli Correlati

Economia Solidale e Sociale: verso una legge regionale
Nei mesi scorsi è stato avviato il percorso per una proposta di legge regionale sull’...
Patata
Un alimento passepartout La patata è un tubero con molte qualità diverse, utilizzate...
Sale… quanto basta!. Un minerale importante da usare con attenzione
Capire come ridurre l'apporto giornaliero di sale per migliorare la propria salute “Il...
Limone
Il sole in autunno Il limone è un frutto dalle molteplici risorse: il suo succo viene...