feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Rassegna Open your eyes 2016

Rassegna Open your eyes 2016

Da giovedì 5 maggio, il cinema Teatro del Borgo (Bg) propone proiezioni e incontri sul rapporto tra cinema, ambiente e sostenibilità

Si ripete anche quest’anno la rassegna cinematografica “Open your eyes” con quattro serate che porteranno in primo piano il rapporto tra cinema, ambiente e sostenibilità. Tutti i giovedì del mese di maggio il cinema Teatro del Borgo, di via Borgo Palazzo 51 a Bergamo, sarà animato da film e docufilm che mostreranno le numerose bellezze del nostro mondo, ma anche i molti pericoli che lo insidiano.

La rassegna vedrà susseguirsi sullo schermo pellicole italiane e straniere, che avranno come temi dominanti lo sfruttamento sfrenato delle risorse ambientali, lo spreco e la disattenzione che contraddistinguono la vita quotidiana delle persone. Il titolo dell’iniziativa, letteralmente “aprite gli occhi”, si riferisce quindi alla volontà di creare consapevolezza sui gravi problemi ecologici che affliggono il nostro pianeta e di educare tutti a uno stile di vita più sostenibile. Il cinema quindi, attraverso gli occhi, proverà ad arrivare al cuore e alla mente.

L’evento a cura del Servizio Assistenza Sale cinematografiche è realizzato in collaborazione con Cittadinanza sostenibile, infoSOStenibile e Gente di Montagna. Alle proiezioni, che si svolgeranno tutte presso il cinema Teatro del Borgo, seguiranno presentazioni, incontri e degustazioni. Il programma delle quattro serate è il seguente:

Rams - Storia di due fratelli e otto pecore

Aprirà le danze, giovedì 5 maggio alle ore 20.45, “Rams – Storia di due fratelli e otto pecore”, del regista Grímur Hákonarson. La pellicola, premiata al Festival di Cannes, racconta le vicissitudini di una piccola comunità dell’Islanda e delle sue tradizioni, mostrando un mondo in cui le pecore sono il fulcro nevralgico della vita, in quanto unica fonte di sostentamento.

Bella e perduta

Il secondo appuntamento invece, giovedì 12 maggio alle ore 20.45, sarà tutto “Made in Italy” con la visione di “Bella e perduta” di Pietro Marcello. Un’opera tra finzione e documentario che racconta quanto appunto sia bello, ma perduto, il nostro paese, sempre più diviso tra ignoranza e criminalità latente da una parte, e paesaggi mozzafiato dall’altra.

Un mondo fragile

Giovedì 19 maggio alle ore 20.45 sarà la volta di “Un mondo fragile” di César Augusto Acevedo, altro lavoro premiato al Festival di Cannes con la Caméra d’or. Il film è ambientato in Colombia e pone l’accento sul rispetto per la terra e sulla dignità contadina, analizzando la dilagante desertificazione del territorio colombiano.

Unlearning – Storie di famiglie che cambiano il mondo

Chiuderà la rassegna, giovedì 26 maggio alle ore 20.45, “Unlearning – Storie di famiglie che cambiano il mondo” del regista nostrano Lucio Basadonne. La pellicola racconta un viaggio attraverso eco-villaggi, comunità e famiglie itineranti con lo scopo di conoscere chi ha avuto il coraggio di staccarsi dalla routine, per avventurarsi in un nuovo concetto di vita.

Il costo del biglietto intero è di 5.50€ e il ridotto di 5€. Le proiezioni sono disponibili su prenotazione anche per le scuole, in giorni e orari da concordare telefonando al numero 035 320828. Per ulteriori informazioni visitare il sito www.sas.bg.it

Gianluca Zanardi

 
Maggio 2016

Articoli Correlati

All'interno dell'iniziativa “I mercati degli agricoltori per il benessere della comunità...
Dal blog di Rosangela Pesenti un testo intenso e intriso di significato per la Giornata...
I risultati della rete dell’economia sociale solidale Nel dicembre del 2021 veniva...
Un progetto didattico in collaborazione con i formatori del DessBg sui temi della...