feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Plastic Road. La strada del futuro

Plastic Road. La strada del futuro

In Olanda un progetto per costruire le strade con tappi di bottiglie e plastica riciclata

Ogni tonnellata di asfalto utilizzata nella costruzione di una strada emette 27 chili di CO2. A meno che la strada sia realizzata interamente con materiale plastico a base di PET, cioè plastica e tappi di bottigliette: un progetto di mobilità sostenibile che non viene dal futuro ma dall'Olanda, che punta a introdurre una tecnologia veloce, adattabile ed ecologica al settore strade.

Si chiama Plastic Road ed è stato ideato da tre società, due olandesi e una francese: la Volker Wessels del gruppo KWS (con sede a Rotterdam), la Wavin - produttore olandese di materiali plastici - e la Total, azienda petrolchimica francese, che insieme hanno dato il via alla progettazione per la costruzione delle strade di plastica riciclata al posto dell'asfalto.

Una delle caratteristiche peculiari di Plastic Road è la prefabbricazione. Le strade di plastica riciclata verrebbero realizzate in un'altra sede, per poi essere trasportate in loco e adattate al tratto stradale interessato: oltre alla leggerezza del materiale nel trasporto, questo sistema permetterebbe di ridurre le problematiche legate al traffico durante i lavori stradali.

Ma i vantaggi non finirebbero qui. In fase di lavorazione, sarebbe più facile installare i cavi sotto una “plastic road” che sotto il tradizionale strato di asfalto: una grande comodità sia per quanto riguarda gli eventuali scavi in caso di manutenzione, sia per il passaggi dei sistemi di ricarica per i veicoli elettrici.

Inoltre, il materiale presenta una forte adattabilità climatica se sottoposto a temperature estreme (dai -40° ai + 80°) ed è strutturato in modo da evitare le inondazioni in caso di forti precipitazioni; è anche tre volte più resistente di una strada d'asfalto, prevenendo buche e danneggiamenti.

E pare che la “strada” sia proprio quella giusta. A Zwolle (Olanda) è già stato realizzato il primo tratto di una pista ciclabile completamente di plastica riciclata. A Roma, un esperimento simile è stato fatto su un tratto della strada provinciale Ardeatina, realizzata in grafene e plastica. Chi sarà il prossimo a costruire la sua plastic road? 

Gennaio 2020

Articoli Correlati

Brescia: il territorio del vino
La fine dell’estate è il momento ideale per scoprire e assaporare i vigneti e i calici di...
e-bike per le persone con disabilità
Assieme ad altre realtà europee, il Comune di Bergamo ha vinto un nuovo bando del...
escursioni gratuite in Lombardia
Ecco tutti gli itinerari ai quali è possibile prendere parte assieme alle Guide alpine e...
orto
L’iniziativa “Fare l’orto fa bene” lanciata dall’Orto Botanico di Bergamo vuole...